Mancata intesa sindacale sugli autisti "neoassunti", riprendono gli scioperi in Seta

L'annuncio delle sigle sindacali insieme alla denuncia dello stallo nella trattativa con l'azienda del trasporto pubblico

Da anni è attivo un tavolo di trattativa unitario tra Seta e le organizzazioni sindacali per affrontare l’armonizzazione dei trattamenti contrattuali dovuti ai dipendenti dell’azienda del Trasporto Pubblico Locale, nonché tutti i problemi di varia natura persistenti nei tre territori in cui opera l’azienda: Modena, Piacenza, Reggio Emilia.

"Per parte sindacale ancora una volta ci siamo trovati a verificare che le questioni sollevate da diversi anni continuano a non trovare risposte compiute o meglio continuano a scontrarsi con l’indisponibilità dell’azienda a trovare soluzioni condivise - spiegano Filt/Cgil, Fit/Cisl, Uiltrasporti, Ugl/Fna, Faisa/Cisal Emilia-Romagna - Infatti a tutt’oggi i cosiddetti neo-assunti, che in realtà sono lavoratori che operano in azienda a partire dal 2013 (quindi non proprio neo) si trovano ancora ad avere un trattamento economico / normativo differente e notevolmente inferiore rispetto ai colleghi assunti prima della costituzione di Seta (2013).

Le proposte che l’azienda ha fatto alle organizzazioni sindacali a questo tavolo sono "del tutto insufficienti per risolvere l’annosa questione che grava su lavoratori" assunti da parecchi anni e che numericamente hanno ormai superato ampiamente le 200 unità. Per tutti questi rimangono ad oggi in essere le condizioni di differenze economiche e normative rispetto agli assunti antecedenti alla costituzione dell’azienda Seta.

A questo si aggiungono una serie di questioni afferenti la gestione aziendale, l’organizzazione del lavoro, la salute e sicurezza, anche degli utenti, che continuano a rimanere senza risposta e che causano secondo i sindacati "notevole malessere e disagio, ormai non più sostenibile da parte dei lavoratori tutti".

"Restando pertanto inascoltate le nostre richieste e ricevendo proposte non accettabili, come organizzazioni sindacali non potevamo che aprire le procedure previste per legge al fine di proclamare lo sciopero. Il tentativo di conciliazione tenutosi presso la sede della Prefettura di Bologna martedì scorso purtroppo ancora una volta ha avuto esito negativo. Pertanto nei prossimi giorni come organizzazioni sindacali effettueremo le assemblee con i lavoratori e predisporremo la data delle opportune e inevitabili a questo punto, iniziative di sciopero. Riteniamo infine molto grave - chiosano Filt/Cgil, Fit/Cisl, Uiltrasporti, Ugl/Fna, Faisa/Cisal Emilia-Romagna - che in una società partecipata da amministrazioni pubbliche locali non ci siano state le condizioni, per così lungo tempo, per risolvere un problema assai sentito perché crea di fatto un doppio regime, ormai intollerabile, che differenzia i trattamenti tra i lavoratori che comunque svolgono la stessa attività".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Modena usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni: Provincia di Modena in linea con la Regione. Via Emilia targata Pd

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Raro tumore ad una mano, trentenne salvato dalla cooperazione medica tra Modena e Bologna

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

  • Bambina di sei anni precipita dalla seggiovia, paura sul cimone

Torna su
ModenaToday è in caricamento