Rete Città Sane, in Piazza Grande la riunione dei 70 rappresentanti delle città italiane

In Galleria Europa, la riunione dei rappresentanti delle 70 città italiane della Rete. Simona Arletti termina l’incarico come presidente, subentra Irene Guadagnini

Si è svolta a Modena, nel pomeriggio di venerdì 14 giugno, l’assemblea nazionale annuale della Rete città sane, che riunisce i rappresentanti delle settanta città italiane che la compongono, e di cui Modena ha la presidenza fino a gennaio 2020. A presiedere l’assemblea è stata la presidente Simona Arletti che ha annunciato la conclusione del suo incarico, ricoperto in rappresentanza dell’Amministrazione su indicazione del sindaco, avendo terminato il mandato come consigliera comunale. Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli, intervenuto in assemblea, ha quindi annunciato che il ruolo di presidente della Rete sarà ricoperto dalla nuova consigliera Irene Guadagnini che resterà in carica fino a gennaio 2020, quando scadrà anche il mandato di Modena alla presidenza della Rete.

A conclusione del mandato, Arletti ha ricordato “i nove anni di lavoro intenso a servizio delle politiche di promozione della salute e della prevenzione primaria di 70 Comuni, tra cui 13 capoluoghi di regione con l’intento di creare città capaci di produrre salute”. In particolare, l’attività ha riguardato progetti di comunità per la prevenzione dell’obesità infantile, la promozione dell’invecchiamento attivo, della donazione del sangue e del tempo agli altri, della mobilità sostenibile da casa a scuola e da casa al lavoro. Il lavoro della Rete italiana ha ottenuto il riconoscimento dell’Organizzazione mondiale della sanità, che l’ha accreditata a livello europeo, del Governo italiano, dell’Istituto superiore di sanità, del Cns e del Centro nazionale trapianti. “Per quanto riguarda Modena – ha proseguito Arletti – la Rete ha rappresentato il modo per dare ai nostri progetti migliori una ribalta nazionale e internazionale nei meeting mondiali dell’Oms. Le difficoltà non mancano, e tra queste l’assenza di sostegno economico da parte del ministero della Salute, come avviene invece nella maggior parte dei 30 paesi dell’Oms europea, ma Modena continuerà con il solito impegno, competenza e passione a guidare la Rete fino alla scadenza di mandato nel 2020”.

La Rete città sane è una associazione senza scopo di lucro composta da Comuni italiani, riconosciuta dall’Organizzazione mondiale della sanità e inserita nel circuito europeo delle città sane (Healthy cities) che ha lo scopo di promuovere e aumentare la consapevolezza sulla salute condividendo buone prassi e criticità e lavorando su progetti di comunità per la prevenzione e la diffusione di stili di vita salutari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Telefonate mute e squilli dalla Tunisia, anche a Modena boom di truffe "ping calls”

  • Tortellini e gnocco fritto nel cuore della City, "Bottega Modena" sbarca a Londra

  • Rubati i dati di 3 milioni di clienti Unicredit, preoccupazione anche Modena

  • "Buonasera, io sarei ricercato", ladro ventenne si presenta in caserma con la madre

  • Sorpreso a bordo di un'auto rubata con un documento falso, arrestato un 38enne

  • Incidente senza gomme da neve? A Sassuolo si dovrà pagare "il disturbo" alla Polizia Municipale

Torna su
ModenaToday è in caricamento