AUTO-MEA: il progetto europeo sull’aerospaziale lo guida Unimore

Macchine elettriche applicate al campo aerospaziale. Il programma di ricerca Auto-Mea sarà coordinato da Unimore. Prof Barater: “un settore di cui il nostro territorio è protagonista a livello mondiale”

Sarà Unimore a coordinare il progetto europeo AUTO-MEA, sulle applicazioni in campo aerospaziale delle macchine elettriche.

L’obiettivo dell’iniziativa, che si inserisce in Clean Sky 2, il principale programma di ricerca europeo nel settore dell’aeronautica, è lo sviluppo di nuove metodologie per la fabbricazione degli avvolgimenti dei motori elettrici da utilizzare in campo aerospaziale.

AUTO-MEA è il secondo progetto europeo coordinato dal gruppo Azionamenti Elettrici, guidato del prof. Giovanni Franceschini di Unimore, che si è costituito presso il Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” nel 2018.

Il Principal Investigator di AUTO-MEA è il prof. Davide Barater di Unimore.

Il progetto vedrà la collaborazione del gruppo di ricerca progettazione meccanica e costruzioni di macchine del prof. Matteo Giacopini (Unimore) e, tra gli altri, dell’Università di Nottingham (presenti il prof. Alastair Cairn e il prof. Chris Gerada visiting presso il DIEF nell’A.A. 2018/19 e Pro-Vice-Chancellor Industrial Strategy, Business Engagement and Impact) e di CopperING, azienda leader nello sviluppo di soluzioni all’avanguardia per la realizzazione di line di produzione di statori di macchine elettriche per impieghi automotive.

“Siamo molto soddisfatti di questo nuovo progetto – commenta il prof. Davide Barater - che ci vede sempre più coinvolti nell’ambito della ricerca internazionale e i cui risultati avranno importanti ricadute anche in altri settori, in particolare quello automotive di cui il nostro territorio è protagonista a livello mondiale”.

Il programma di ricerca denominato Clean Sky 2 ha lo scopo di sviluppare tecnologie di avanguardia per la riduzione della CO2, delle emissioni di gas e del rumore prodotti dagli aerovelivoli. La sostituzione degli attuatori pneumatici e oleodinamici con azionamenti elettrici a elevata compattezza e affidabilità è considerata una delle tecnologie più promettenti, ma richiede soluzioni innovative per la costruzione delle macchine elettriche che devono garantire livelli di affidabilità e densità di Potenza paragonabili alle soluzioni tradizionali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Coronavirus, 71 nuovi positivi, di cui 48 asintomatici. A Modena focolaio in un prosciuttificio

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Forno rumoroso in centro storico, sequestrati i locali per la produzione

Torna su
ModenaToday è in caricamento