Influenza. Curva epidemica in calo, "Ma non abbassiamo la guardia"

Lavarsi spesso le mani con il sapone; coprirsi naso e bocca ogni volta che si starnutisce o tossisce e poi lavarsi le mani; utilizzare fazzoletti monouso, gettarli nel cestino e lavarsi le mani. Poche e semplici regole che è bene ribadire anche in questa fase della stagione influenzale, in cui la curva epidemica è in fase discendente. Perché la prevenzione è sempre fondamentale per limitare la diffusione della sindrome influenzale.

La fotografia della situazione attuale è fornita dai dati del Sistema nazionale di sorveglianza InfluNet: nella settima settimana del 2019, il numero di casi di sindrome influenzale continua a diminuire anche se ancora si mantiene ad un livello di incidenza di media intensità (circa 11,0 casi per mille assistiti). Sempre a livello nazionale, il numero di casi stimati in questa settimana è pari a circa 663.000, per un totale, dall’inizio della sorveglianza, di circa 5.968.000 casi. Sono 516 i casi gravi da influenza confermata, di cui 95 deceduti. In merito alle fasce di età, quella 0-4 resta la più colpita, con un’incidenza pari a 31,76 casi per mille assistiti. A livello provinciale, nei giorni scorsi sono stati segnalati al Servizio di Igiene Pubblica dell’Azienda USL di Modena altri tre casi gravi. Il bilancio a oggi è dunque di 14 casi gravi di cui 3 decessi. Lo scorso anno nel modenese a conclusione dell'epidemia sono state stimate 82mila persone ammalate di influenza con 19 casi gravi e 5 decessi.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In caso di sintomi riconducibili all’influenza – ribadisce Giovanni Casaletti, Direttore del Servizio di Igiene pubblica dell’Azienda USL di Modena – è fondamentale limitare i contatti con altre persone, soprattutto se fragili come bambini e ragazzi, anziani, donne in gravidanza e persone immunodepresse. Comportamenti scorretti come volersi recare al lavoro a tutti i costi o continuare nelle proprie attività quotidiane ignorando i sintomi, oltre a contribuire alla diffusione dell’influenza, espongono anche chi è ammalato al rischio di contrarre altre infezioni batteriche, peggiorando una situazione dalla quale ci si riprende, generalmente, con il riposo – precisa –. Per la cura dei sintomi è sempre indicato rivolgersi al medico curante o alla guardia medica, recandosi al Pronto soccorso solo quando strettamente necessario”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 71 nuovi positivi, di cui 48 asintomatici. A Modena focolaio in un prosciuttificio

  • Covid. Altri 18 contagiati nel focolaio del salumificio di Castelnuovo

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

Torna su
ModenaToday è in caricamento