Lavoratori in appalto, Inalca finisce sotto processo per gli sgravi contributivi

Due diversi procedimenti sono ancora aperti a carico dell'azienda del Gruppo Cremonini, per fatti risalenti al 2015. Lo ha reso noto il Governo rispondendo ad un'interogazione del M5S

Il Sottosegretario al Ministero del Lavoro Claudio Cominardi ha confermato ieri alla Camera dei Deputati che, in seguito alle verifiche ispettive del Ministero dello Sviluppo Economico sul caso dei  900 lavoratori in appalto presso i macelli dell’Inalca del modenese, sono pendenti due procedimenti presso il Tribunale di Lodi: uno di tipo penale, concernente l’ipotesi di truffa ai danni dello Stato, con udienza fissata per il prossimo 9 luglio, e un altro di tipo civile riguardante gli sgravi contributivi, che è già in fase di appello e la cui prossima udienza è fissata per il 16 ottobre. L'ipotesi accusatoria è infatti che l'azienda di lavorazione carni abbia beneficiato di uno sgravio contributivo non dovuto di circa 14 milioni di euro, dovuti a diversi passaggi societari e contrattuali nel 2015.

Il Sottosegretario ha reso l’informazione rispondendo all’interrogazione presentata dalla parlamentare modenese On. Stefania Ascari (M5S), la quale ha commentato positivamente la risposta sottolineando la diffusione preoccupante delle società di manodopera appaltatrici nel settore industriale e i rischi connessi all’evasione ed elusione fiscale, nonché ai fenomeni di sfruttamento sui lavoratori. 

All’epoca dei fatti la Flai-Cgil contestò l’operazione - scrivento anche all'allora ministro Poletti - in quanto i 900 lavoratori, per molti anni dipendenti di false cooperative succedute negli appalti di Inalca (vedi schema allegato), avrebbero dovuto essere dipendenti di Inalca. Furono invece tenuti prima in appalto presso la cooperativa di manodopera “Consorzio Euro 2000” che collassò finanziariamente a maggio 2015, poi da giugno 2015, i lavoratori, vennero fatti transitare per sei mesi nell’Agenzia per il lavoro “Trenkwalder” e infine passati, alla fine del 2015, presso una società di manodopera, la “Ges.Car srl”, controllata al 100% da Inalca stessa. 

“Al di là dei futuri esiti processuali, l’operazione di Inalca è stata spregiudicata – dichiarano Umberto Franciosi e Marco Bottura della Flai/Cgil Emilia Romagna e Modena - Il fine dello sgravio contributivo introdotto dalle Leggi di Stabilità del 2015 e 2016 era quello di favorire la buona occupazione a tempo indeterminato. In questo caso, invece, lo si è utilizzato per abbassare il costo del lavoro, trasferendo semplicemente delle posizioni lavorative. Il 28,4% delle quote di Inalca Spa sono di un azionista partecipato dal Fondo Strategico Italiano, e quindi dalla Cassa Depositi e Prestiti, - continuano i sindacalisti Flai/Cgil Franciosi e Bottura - ma neanche questa partecipazione pubblica sembra aver indirizzato Inalca su una diversa etica imprenditoriale. Inalca non è un caso isolato nel distretto agroalimentare nell’utilizzo improprio degli appalti. Si preferisce investire in operazioni di ingegneria finanziaria e controllo diretto degli appalti invece che in ricerca, innovazione e qualità del lavoro.” 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secchia e Panaro in piena, i ponti restano chiusi. Si contano i danni per gli allagamenti

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Tortellini e gnocco fritto nel cuore della City, "Bottega Modena" sbarca a Londra

  • Salvini arriva a Modena, Anche sotto la Ghirlandina scatta la mobilitazione delle "sardine"

  • Niente comizio in centro per Salvini. E le "sardine" si spostano in Piazza Grande

  • L'acqua filtra nelle cisterne, automobilisti in panne al distributore

Torna su
ModenaToday è in caricamento