Italpizza, la Cgil continua lo sciopero e denuncia: "Lavoratori sostituiti"

Il sindacato presidia i cancelli dell'azienda e prepara una denuncia per una presunta condotta antisindacale da parte delle cooperative che gestiscono il personale

Dopo i primi due giorni di sciopero all’Italpizza di San Donnino di Modena (20-21 maggio) proclamati dai sindacati di categoria Flai, Filcams e Filt Cgil, l’assemblea dei lavoratori di ieri pomeriggio, in mancanza di risposte dall’azienda sulla piattaforma presentata, ha dato mandato alle categorie della Cgil di continuare la mobilitazione sindacale proclamando un ulteriore pacchetto di 24 ore di sciopero, le cui prime 8 si svolgono già oggi, mercoledì 22 maggio, con presidio davanti ai cancelli. 

Questa mattina il clima è ancora molto teso in strada Gherbella, non tanto per la prensenza della Cgil, tanto per quella degli esponenti SI Cobas, che minacciano altri blocchi ai mezzi in transito. Già ieri sono stati necessari il lancio di lacrimogeni e le cariche dei reparti mobili per sgomberare i manifestanti

La Cgil segnala che nella giornata di ieri è aumentato rispetto a lunedì il numero dei lavoratori in sciopero, in particolar modo nel reparto confezionamento, tanto che la produzione ieri è stata notevolmente rallentata. Il sindacto solleva poi un problema per il quale sta studiando una denuncia, legato al comportamento delle imprese appaltatrici.

“C’è una chiara responsabilità di Italpizza nell’escalation di questa vertenza – dichiarano Flai, Filt e Filcams, le tre sigle della Cgil coinvolte nella vertenza - Più i giorni passano e più si allarga il fronte dei lavoratori che denunciano una situazione insopportabile. Invece di aprire un confronto sui problemi posti dai lavoratori, Italpizza e le società appaltatrici stanno invece rispondendo cercando di sostituire i lavoratori in sciopero secondo una modalità che giudichiamo irregolare e che sarà oggetto di una nostra denuncia alla autorità competenti”. 
La piattaforma presentata a febbraio chiede di affrontare il tema dei diritti sindacali (no alle discriminazioni per chi è iscritto, possibilità di assemblee nel luogo di lavoro, ecc…) e delle applicazioni contrattuali adeguate alle attività lavorative. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In balia della corrente sul materassino, due ragazzi modenesi salvati in Salento

  • Turista multato per l'accesso in Ztl, arriva alla Municipale un assegno dalle Hawaii

  • Lieve scossa di terremoto sull'Appennino modenese

  • Salta la cassa con una tv sotto braccio, stroncata sul nascere l'impresa impossibile di un 31enne

  • Esce di strada con l'auto, morto un 59enne a Manzolino

  • L'ex compagno di classe saluta la sua ragazza, lui lo colpisce con una testata

Torna su
ModenaToday è in caricamento