Ciclabile Modena-Vignola, ora la gestione sarà di competenza di 5 comuni

Dal 1 gennaio la Provincia ha ceduto la competenza alle amministrazioni locale attraversate dalla ciclabile, che dovranno assicirare la manutenzione dei rispettivi tratti

Dal 1 gennaio 2019 la gestione e la manutenzione della pista ciclabile Modena- Vignola passa dalla Provincia ai singoli Comuni di Modena, Castelnuovo Rangone, Castelvetro e Spilamberto, oltre a Vignola che già gestiva autonomamente il proprio tratto. Questo per effetto degli accordi tra la Provincia di Modena e i Comuni stessi,  a seguito dell'acquisizione in proprietà da parte dei Comuni del sedime della ex ferrovia, nell'ambito delle opportunità offerte dalla legge del 2013 sul federalismo demaniale (i Comuni hanno già acquisito le aree, mentre Castelvetro ha avviato di recente la procedura). 

La Provincia, quindi, non ha più nessuna competenza sull'infrastruttura, a parte i lavori di adeguamento del ponte sul torrente Grizzaga, a lato di via Gherbella nei pressi di Vaciglio, già finanziati dalla Regione; questi lavori, che si svolgeranno entro la prossima estate, saranno gestiti dall'ente con l'obiettivo di garantire una maggiore sicurezza grazie all'innalzamento di circa un metro del manufatto che consentirà un maggiore deflusso delle acque in caso di piena.  

Nelle settimane scorse sono state realizzate le analisi tecniche e gli scavi previsti nell'ambito del progetto che ha un costo di 250 mila euro, messi a disposizione dalla Protezione civile regionale.

In questi giorni gli operatori del servizio provinciale Viabilità provvederanno  alla rimozione dei cartelli riportanti la competenza della Provincia di Modena, situati in corrispondenza di intersezioni con le strade comunali.

Realizzata dalla Provincia e inaugurata nel 2001, la ciclabile da Modena a Vignola figura tra i percorsi ciclabili più frequentati dai ciclisti soprattutto nel fine settimana. Si snoda sull'antico percorso della ferrovia dimessa: parte da Vaciglio, affianca la via Gherbella fino a S.Donnino, per entrare nella campagna che circonda S.Vito e raggiungere Castelnuovo Rangone; da qui, superata l'antica stazione ferroviaria completamente recuperata, prosegue fino a Spilamberto affiancando la strada provinciale 16, attraversa il centro cittadino per raggiungere Vignola.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni muore dopo il trasporto dall'Ospedale di Sassuolo a Baggiovara, aperta indagine

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Stasera su Italia1 anche Modena protagonista della puntata de "Le Iene Show"

  • Via libera all'accensione dei termosifoni. Disponibile anche il bonus per le famiglie

  • Scoperto a Modena un deposito di bici rubate, si cercano i proprietari

  • Negoziante aggredisce alcuni clienti minorenni, arriva la Polizia

Torna su
ModenaToday è in caricamento