Consegnato il cantiere del Data Center, lavori per circa due anni

Investimento da 5,1 milioni di euro nell’ambito del Progetto Periferie. Sarà il cuore tecnologico della città e del progetto Masa per la sperimentazione delle auto a guida autonoma

Con la consegna ufficiale del cantiere, sono partiti i lavori per la realizzazione del Data Center di Modena, la struttura che sorgerà nella zona dell’ex Mercato bestiame e rappresenterà il cuore tecnologico della città, consolidando e rendendo più efficiente la rete locale dell’Ict, andando a sostituire i Ced di enti pubblici e soggetti privati migliorandone qualità e sicurezza. Il Data Center, con un investimento complessivo di 5,1 milioni di euro nell’ambito del “Progetto Periferie. Ri-generazione e innovazione”, sarà anche il punto di riferimento per la ricerca sia nel campo della sicurezza informatica, con la sede della Cyber Security Academy, sia per ciò che riguarda l’Automotive, con il programma Masa (Modena automotive smart area) ed entrerà a far parte della rete dei Data Center regionali in corso di realizzazione.

La società di trasformazione urbana CambiaMo martedì 23 aprile ha consegnato il cantiere al raggruppamento temporaneo di imprese che si è aggiudicato la gara, composto da Iti Impresa generale spa di Modena insieme a Site spa di Bologna. Alla firma del verbale hanno partecipato anche i rappresentanti del Comune e dell’Università di Modena e Reggio Emilia che hanno contribuito a sviluppare il progetto che coinvolge anche Provincia di Modena, Fondazione Democenter e Lepida spa, società della Regione con i principali Comuni e Unioni di Comuni dell’Emilia-Romagna.

Sono già iniziate le operazioni di pulizia del lotto di terreno e di sistemazione delle recinzioni. L’edificio si svilupperà su due piani fuori terra per circa 1.600 metri quadri complessivi e il fronte principale sarà delineato da un’alta pensilina sul lato sinistro, sostenuta da due sottili pilastri, nella direzione di dove sorgerà la scuola innovativa, il cui progetto è in corso di ultimazione. A piano terra del Data Center troverà posto l’Academy per la formazione sulla sicurezza informatica e spazi per le attività di ricerca e conferenze, mentre al primo piano saranno collocate la sala server e la “control room”, zone che saranno riservati agli operatori con accesso controllato anche da sistemi di sicurezza elettronici.

I lavori per la realizzazione della struttura dureranno circa due anni. L’edificio sarà caratterizzato da volumi semplici, grandi vetrate, lastre di fibrocemento antracite e cemento armato bianco a vista per l’esterno, e materiali di finitura e colore diverso a seconda della destinazione d’uso delle zone. Particolare attenzione sarà riservata ai sistemi di raffrescamento, con impianti specifici dedicati per le sale server e pareti ventilate, mentre sulla copertura troveranno posto i di pannelli fotovoltaici e unità di trattamento aria.

Nell’ambito dell’intervento, è prevista anche la sistemazione dell’area esterna adiacente, mentre lo spazio antistante destinato a piazza e spazio di connettività tra le varie funzioni dedicate alla cultura e alla formazione (Polo scolastico Marconi, Palazzina Pucci e la futura scuola innovativa), dove è in programma anche l’installazione di telecamere di videosorveglianza, rientra all’interno del progetto in programma di riqualificazione del sistema della mobilità ciclopedonale e interventi per la sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’Italia ha la sua Miss Curvyssima 2019, incoronata a Vignola Deborah Spada

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Meteo | Un venerdì difficile tra pioggia, neve e rischio gelicidio

  • La Polizia gli sequestra l'auto, lui entra di notte nel deposito e la riprende. Denunciato

Torna su
ModenaToday è in caricamento