L'Arcivescovo sul Modena Pride: "Inopportuno creare tensioni e polemiche"

Mons. Castellucci fornisce il suo contributo in merito al dibattito sulla manifestazione (e contromanifestazione) di sabato

Interpellato da più parti, l'Arcivescovo di Modena-Nonantola, Mons. Erio Castellucci, rompe il silenzio circa il Modena Pride e la Processione di pubblica riparazione che si svolgeranno il 1 giugno. Il prelato aveva finora mantenuto coscientemente una posizione defilata, evitando di esprimersi su una manifestazione collegata ad un tema che continua a dividere il mondo cattolico, non tanto nelle sue convinzioni profonde, quanto piuttosto nella traduzione politica delle idee legate all'omosessualità. 

"Nel sostanziale dissenso dai contenuti e dal metodo che anima il Gay pride, mi pare inopportuno creare tensioni e polemiche - spiega Mons. Castellucci - È possibile e necessario un confronto costruttivo tra persone civili che hanno differenti e visioni della vita: personalmente, e in rappresentanza della comunità diocesana, continuo a rendermi disponibile a questo tipo di dialogo: del resto è già avviato e portato avanti nelle comunità cristiane modenesi. Conosco e mi relaziono con diverse persone che hanno espresso il loro orientamento omosessuale e sono bene inserite anche nel tessuto ecclesiale; alcune di loro mi hanno espresso in diverse occasioni perplessità e disagio sia di fronte a perduranti atteggiamenti di derisione, sia davanti a rivendicazioni “ostentate” che ritengono scarsamente utili alla causa. Non posso poi fare a meno di esternare agli organizzatori del Modena Pride il mio disaccordo verso l'utilizzo del rosone del Duomo come "logo" della manifestazione. Si tratta di un simbolo caro ai modenesi, non solo cattolici, che sarebbe stato meglio evitare di inserire, perché finisce per costituire già di per sé una provocazione".

La Curia deve però fare anche i conti con un gruppo di fedeli più legati al tradizionalismo cattolico che ha indetto la "processione di pubblica riparazione" che si svolgerà nella mattinata di sabato. Castellucci spiega: "Ho concordato con il Comitato San Geminiano vescovo fin dalla sua costituzione, nel gennaio scorso, di evitare manifestazioni che potessero fomentare gli estremismi e incentivare le polemiche. Ho subito chiarito che il Comitato non rappresenta ufficialmente la Diocesi – cosa che del resto i suoi componenti avevano ben presente – e che dunque non necessita di alcuna autorizzazione, in quanto libera espressione del diritto dei fedeli ad associarsi; così come non necessita di autorizzazione l’organizzazione di manifestazioni o la pubblicazione di locandine. Auspico che la “processione”, quindi, avvenga secondo gli intenti preannunciati dal Comitato all’atto della sua costituzione: che sia dunque un momento di preghiera per la conversione prima di tutto dei partecipanti (e anche del sottoscritto) e non una manifestazione 'contro' qualcuno".

L'Arcivescovo declina quindi la visione della Chiesa sui temi che saranno al centro degli slogan del 1 giugno: "Confermo la mia adesione alla visione antropologica cattolica, espressa costantemente dal magistero del Concilio Vaticano II e condensata nel magistero dei pontefici, specialmente nella Familiaris Consortio di San Giovanni Paolo II, nel Catechismo della Chiesa cattolica e nella Amoris Laetitia di papa Francesco. Credo che il matrimonio sia una comunità di vita e di amore tra un uomo e una donna, connotata da complementarità, reciprocità e generatività, e come tale rientri nel progetto stabilito da Dio creatore e confermato da Cristo redentore. Contemporaneamente, insieme allo stesso magistero del Concilio Vaticano II e dei pontefici, credo che ogni persona vada accolta e accompagnata e quindi, per quanto mi è possibile, rifiuto gli atteggiamenti discriminatori verso coloro che non condividono l’antropologia cattolica e che, rimanendo entro la legalità, decidono di manifestare pubblicamente le proprie idee. La distinzione di San Giovanni XXIII tra "errante" ed "errore" resta uno dei capisaldi dello stile evangelico assunto dalla Chiesa, che cerca sempre la sintesi tra verità e carità - spiega Castellucci, che poi chiosa - Mi si permetta infine di augurare me stesso e a tutti la maturazione di uno stile capace di guardare l’altro non come nemico, ma come persona che porta in sé l’“immagine e somiglianza” di Dio, anche quando sostiene e pratica idee diverse e contrastanti rispetto a quelle in cui credo. E la possibilità di manifestare le mie idee, senza venire aggredito e insultato. Si chiama, cristianamente, 'stile evangelico'".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Indagine sui prezzi nei supermercati: Esselunga e Coop si dividono la spesa online

  • Secchia e Panaro in piena, i ponti restano chiusi. Si contano i danni per gli allagamenti

  • Si cappotta con l'auto lungo la Circondariale, muore un giovane a Fiorano

  • Niente comizio in centro per Salvini. E le "sardine" si spostano in Piazza Grande

  • Il Panaro raggiunge livelli ciritici, chiude via Emilia. La situazione della viabilità

  • L'acqua filtra nelle cisterne, automobilisti in panne al distributore

Torna su
ModenaToday è in caricamento