Articolo a sostegno di Matteo Salvini, si dimette il direttore del settimanale diocesano

Le pressioni esercitate su don Ermanno Caccia lo hanno costretto a rassegnare le dimissioni dal ruolo di direttore di Notizie. L'editoriale non è piaciuto alla Curia e ad alcuni ambienti cattolici

"La gente comune, attraverso i social e le centinaia di comizi, ritiene che Salvini sia 'uno di noi'. Parla semplice, schietto. E fa, o almeno ci prova, quel che dice. Dicevamo: la coerenza. Dopo essere stata tradita da tanti, il popolo ha scelto uno fidato. Se Matteo non molla, può ancora salire". Sono queste le parole che, dopo un'analisi dei dati elettorali delle Europee, chiudono l'articolo apparso sull'ultima edizione del settimanale della Diocesi di Carpi, Notizie. A scriverle è stato lo stesso direttore della testata cattolica, don Ermanno Caccia, o per meglio dire ex direttore, dal momento che questo editoriale è costato ieri le dimissioni al sacerdote.

L'articolo ha generato diverse polemiche a Carpi, nella stessa Curia e negli ambienti cattolici, che poco hanno gradito l'espressione così diretta di un'opinione politica da parte di un sacerdote e di un giornalista del settimanale diocesano. Le pressioni esercitate nelle ore successive alla pubblicazione hanno convinto don Caccia a rassegnare le dimissioni.

Il prete, 49enne bergamasco oggi parroco di Mortizzuolo, spiega: "In riferimento, all’opinione a firma ERCAMO (pseudonimo regolarmente segnalato all’Ordine dei Giornalisti) dello scrivente Ermanno Caccia del titolo “Perché?”, con la quale esprimevo ed esplicitavo un’opinione circa la recente consultazione Europea, e a seguito delle illazioni apparse sulla Voce di Carpi volte a legare la mia personale opinione con quella dell’editore del settimanale il Vescovo Francesco Cavina, la presente per smentire ogni e qualsivoglia coinvolgimento, controllo preventivo e condivisione dell’editore nella suddetta opinione. Constatata la levata di scudi “strumentale”, da una parte di coloro che non condividono in libertà la stessa, amareggiato e colpito da tanto clamore in serenità e in coscienza, rassegno le dimissioni da direttore del settimanale diocesano Notizie".

Sul suo blog personale il parroco però commenta amaramente: "Ne ho sentite e ne ho lette di tutti i colori: incomprensioni, su incomprensioni, per aver detto circostanziando il tutto con dati incontrovertibili un fatto chiaro a tutti, tranne ai ciechi e ai sordi. Cari miei sono stato frainteso, mi hanno fatto passare per una persona imprudente, esaltato, dalla testa calda; si è messo addirittura in dubbio il mio attaccamento alla Chiesa, la mia intelligenza, e la cosa che fa più male e brucia e che ciò è stato fatto da preti che stentiamo a conoscere la fotografia talmente sono assenti [...] A coloro che insistentemente e con veemenza poco cristiana e poco misericordiosa, chiedono e hanno ottenuto la mia testa eccovi serviti".

Da parte sua l'editore, la società Arbor Carpensis srl, precisa in una nota: "I contenuti dell’articolo “Perché? L’opinione” a firma “Ercamo” apparso nell’ultimo numero, non rappresentano la linea editoriale del giornale, improntata ad assoluta equidistanza ed indipendenza di giudizio rispetto ad ogni vicenda politica sia locale sia nazionale. Né tanto meno, si conferma con forza, interpretano il pensiero della Diocesi e del suo Vescovo".
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni muore dopo il trasporto dall'Ospedale di Sassuolo a Baggiovara, aperta indagine

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Scontro sulla Nazionale per Carpi, morto un automobilista

  • Persona muore bruciata all'interno di un'auto, giallo alla periferia di Modena

  • Da Milano a Modena per salvare una vita, un organo scortato dalla Municipale

  • Travolta lungo via Giardini, grave una 52enne soccorsa dall'eliambulanza

Torna su
ModenaToday è in caricamento