Dossier Legambiente Mal’Aria 2019: Modena maglia nera della regione

L'associazione pubblica il rapporto annuale, che rimarca le criticità ben note che vivono ogni giorno i modenesi: "Non bastano misure tampone: servono interventi strutturali sul trasporto pubblico e sulla mobilità condivisa, oltre che azioni ad hoc sulla mobilità casa-scuola"

Emergenza smog sempre più cronica in Italia: aria irrespirabile nelle grandi città con un 2018 da “codice rosso” a causa delle elevate concentrazioni delle polveri sottili e dell’ozono. A fotografare la situazione è Mal’Aria 2019 , il rapporto sull’inquinamento atmosferico nelle città italiane.  La qualità dell’aria della Penisola lascia a desiderare: dal report “Mal’Aria” emerge che, nel 2018 in ben 24 capoluoghi di provincia italiani è stato superato il limite per l’inquinamento da polveri e da ozono (circa un capoluogo su 4), almeno in una stazione ufficiale di monitoraggio. Si ricorda il limite annuale di 35 giorni per le polveri sottili previsto con una media giornaliera superiore a 50 microgrammi/metro cubo, mentre per l’Ozono si considera la media mobile sulle 8 ore superiore a 120 μg/m3 per non più di 25 giorni all’anno.  Le prime posizioni della classifica sono tutte appannaggio delle città dell’area del bacino padano. 

Sommando i giorni di mal’aria respirata dai cittadini dell’Emilia-Romagna nel corso del 2018, tra superamenti delle PM10 e dell’Ozono, la speciale classifica che esce fuori vede le città di Modena, Parma, Piacenza e Reggio Emilia, prime in questa drammatica lista con ben rispettivamente 117, 112, 112 e 111 giornate di inquinamento. Modena è dunque "maglia nera" in regione, con 117 sforamenti totali, di cui 51 per quanto riguarda le polveri sottili e 66 per i livelli di ozono. Se sommiamo le giornate di inquinamento invernale da PM10 e quelle di inquinamento estivo da Ozono, i dati sono allarmanti. A Modena, come a Parma e Reggio Emilia, i cittadini respirano aria inquinata un giorno ogni tre.

Nei primi 22 giorni del 2018 la situazione è andata peggiorando : Ferrara, Ravenna, Modena, Reggio, Rimini, Piacenza e Bologna hanno già accumulato oltre 8 giorni di superamento dei limiti delle PM10; un giorno ogni 3 in cui i cittadini hanno respirato aria inquinata. A Modena, in particolare, i giorni di sforamento sono stati 11 su 22, come ci ha ricordato quotidianamente anche il tira e molla sui blocchi alla cricolazioni previsti per il Piano Aria regionale.

“Come ribadiamo da anni – sottolinea Legambiente -  non servono misure sporadiche, ma è urgente mettere in atto interventi strutturali e azioni ad hoc di livello nazionale, locale oltre che di bacino padano. Occorre una revisione totale della mobilità all’interno delle nostre città, dando priorità al trasporto pubblico ed alla mobilità condivisa e collettiva. Un primo passo per una riduzione del tasso di motorizzazione, verso un obiettivo di decarbonizzazione dei trasporti, sia di persone che di merci. Serve anche una strategia ad hoc per ripensare la mobilità casa-scuola degli studenti, togliendo fin da subito la deroga per l’accompagnamento dei figli a scuola.  Assieme a questa operazione, è necessario mettere in campo un intervento deciso di riqualificazione energetica dell’obsoleto patrimonio edilizio delle nostre città. Due strategie che devono diventare prioritari, non solo per migliorare l’aria che respiriamo ma anche per rispettare gli accordi di Parigi sul cambiamento climatico, e contenere l’innalzamento della temperatura entro il grado e mezzo”.

Per far fronte quindi al problema della qualità dell’aria, i “Volontari per Natura” di Legambiente Emilia Romagna, si attiveranno sul territorio regionale per monitorare le fonti ed i livelli di inquinamento ed i flussi di traffico automobilistico nelle città di Parma, Modena, Bologna e Ravenna. I cittadini che vorranno partecipare al monitoraggio, possono recarsi giovedì 7 gennaio, alle ore 21, presso la sede di Legambiente Modena in via S. Faustino n.155U.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto a soli 37 anni Giuseppe Loschi, medico del Modena Fc

  • Carambola fra quattro auto in via Giardini a Formigine, grave un'anziana

  • Sospetto caso di Dengue, disinfestazioni in tre aree della città

  • Il ladro finisce in carcere e ringrazia i carabinieri che comprano i pannolini per il figlio

  • Gravi incidenti in sequenza, martedì nero sullo snodo autostradale di Modena

  • Prevenzione dell’ictus, la Chirurgia Vascolare di Baggiovara introduce una nuova variante

Torna su
ModenaToday è in caricamento