Molini Industriali, in strada Attiraglio sarà realizzata una fossa di scarico per il grano

Il Consiglio comunale ha reso definitivo l’intervento che va a completare l’ampliamento di Molini Industriali a vantaggio dell’intera filiera

Via libera a una fossa di scarico interrata per il ricevimento del grano in strada Attiraglio, che va a completare l’ampliamento della società Molini Industriali per lo stoccaggio del grano avviato nel 2016 con la realizzazione dei silos. Lo ha deciso il Consiglio comunale nella seduta di giovedì 14 novembre approvando all’unanimità la delibera sul permesso di costruire in deroga agli strumenti urbanistici illustrata dall’assessora all’Urbanistica Anna Maria Vandelli.

“L’autorizzazione a questo progetto – ha affermato l’assessora – porta beneficio all’intera collettività in quanto favorisce la crescita della redditività delle imprese agricole locali, consente di aumentare la quota di prodotto trasformato esclusivamente con materia prima locale, a vantaggio non solo dell’azienda Molini Industriali ma dell’intera filiera agroalimentare. Ha inoltre ricadute positive dal punto di vista occupazionale in quanto la struttura a pieno regime potrà portare all’assunzione di altri due addetti”.

La sede produttiva della società Molini Industriali, struttura di rilievo provinciale, è ubicata in strada Attiraglio dal XV secolo e oggi è presente uno stabilimento completamente automatizzato in grado di macinare 400 tonnellate di grano al giorno. Questo intervento, insieme a quello già approvato dal Consiglio comunale nel 2016 per la realizzazione di silos (27 metri di altezza per una superficie di 1.184 metri quadrati e una capacità complessiva di 15 mila tonnellate), consente di evitare la movimentazione di circa 43.500 quintali di grano tra la sede di Modena e quella di Rubiera, precedentemente unica area di stoccaggio, con una significativa riduzione dell’impatto ambientale in termini di mezzi presenti sulla rete stradale e di riduzione delle emissioni nocive in atmosfera.

La fossa di scarico interrata, già realizzata con una autorizzazione temporanea per ragioni di urgenza e autorizzata in via definitiva con l’approvazione della delibera, è posizionata a fianco dell’esistente torre di prepulitura per il ricevimento del grano, ha una superficie di 1470 metri quadrati e un’altezza di 10 metri. Garantisce una capacità di 200 tonnellate all’ora tramite una serie di trasportatori a catena.

Con l’intervento viene modificata la viabilità dei veicoli tra lo stabilimento e i silos di stoccaggio ma senza aumento di numero e senza impatto dal punto di vista acustico né di traffico nella zona. L’operazione di scarico del grano viene effettuata all’interno di un ambiente chiuso dotato di portoni con serrande avvolgibili in cui gli automezzi entrano ed escono.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 Sul tema è intervenuto il consigliere Andrea Giordani del Movimento 5 stelle che ha annunciato voto a favore “per l’importanza del sito stesso e dal punto di vista economico ed ambientale, in quanto con l’intervento verrà risparmiato un andirivieni di camion tra Modena e Rubiera. Auspichiamo però che questo modo di agire in deroga agli strumenti urbanistici venga modificato e che si possano affrontare queste modifiche in maniera più corretta e coerente per il Consiglio comunale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Produzione ferma per troppe malattie, l'azienda prepara la denuncia poi ritratta

  • Contagio. A Modena altri 14 decessi, calano gli interventi delle ambulanze

  • Centri commerciali e negozi, in Emilia-Romagna sabato e domenica confermate le chiusure

  • Meteo | Impennata improvvisa delle polveri sottili, vediamo perché

  • Test agli operatori sanitari, si parte la settimana prossima con i prelievi

  • Ricette da riscoprire ora che sei a casa: 5 dolci modenesi

Torna su
ModenaToday è in caricamento