Scienza del Gioco, Unimore pronta a dar vita al Game Science Research Center

Un centro di ricerca interuniversitario fortemente multidisciplinare che ha la finalità di promuovere, sostenere e diffondere gli studi in tema di scienza del gioco, in collaborazione con la Scuola IMT Alti Studi Lucca e Lucca Crea

Unimore ha dato la propria adesione al Game Science Research Center, il centro di ricerca interuniversitario che ha la finalità di promuovere, sostenere e diffondere gli studi in ambito di Game Science. Il Game Science Research Center nasce nel 2019 a Lucca, dove ha la propria sede amministrativa, da due realtà di eccellenza nella ricerca e nel gioco, la Scuola IMT Alti Studi Lucca e Lucca Crea.

Da intrattenimento a strumento per lo sviluppo della ricerca scientifica, il gioco non più mero passatempo, ma sfera importante nell’avanzamento di altrettante importanti ricerche condotte in laboratorio. Tutto può essere letto e interpretato come ‘gioco’ e quindi studiare le modalità e l’approccio al gioco permette di capire come funzionano le cose, come risolvere problemi, come affrontare quesiti da punti di vista diversi e molteplici.

Tra gli obiettivi del Game Science Research Center, che è diretto dal prof. Ennio Bilancini della la Scuola IMT Alti Studi Lucca, c’è in primis quello di dare risalto e coerenza alle attività di ricerca, nazionali e internazionali, in cui è presente il tema del gioco, aggregando i loro protagonisti e favorendo tra loro lo scambio di idee. La struttura interuniversitaria si occuperà inoltre di promuovere e sostenere attivamente le attività di Terza Missione che coinvolgono il tema del gioco a vario livello (dall’uso dei giochi come strumento di divulgazione di contenuti e competenze alla valorizzazione della Game Science), ma anche di creare un ponte con i settori produttivi particolarmente legati al gioco: dall’entertainment agli strumenti educativi, passando anche dalla selezione delle risorse umane. Un’ulteriore sfida sarà quella di sviluppare procedure “standard" di valutazione sia di sistemi e regole di gioco sia di attività divulgative o formative basate sul gioco, per arrivare alla creazione di un sistema di certificazione della qualità.

La Sezione del Game Science Research Center presso Unimore potrà raccogliere raccoglie la pluriennale esperienza e attività del Gruppo di Promozione per la Ricerca sul Gioco cui afferiscono docenti, ricercatori e personale non docente del Dipartimento di Economia “Marco Biagi”, del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari”, del Dipartimento di Educazione e Scienze Umane, del Dipartimento di Giurisprudenza e del Dipartimento di Scienze Fisiche Informatiche e Matematiche

Alla presentazione del Game Science Research Center sono intervenuti il Magnifico Rettore prof. Carlo Adolfo Porro, il Prorettore vicario e Delegato alla Terza Missione per la sede Unimore di Modena prof. Gianluca Marchi ed il prof. Ennio Bilancini, Vicedirettore della Scuola IMT Alti Studi di Lucca, in qualità di Direttore del Game Science Research Center, che si è collegato in videoconferenza.

Il GAME.SCI. RE.CENTER  ha un suo Comitato scientifico, di cui fa parte per Unimore il dott. Andrea Ligabue, e un Consiglio di Gestione, che deve ancora costituirsi in maniera formale e che avrà come rappresentante Unimore la dott.ssa Barbara Rebecchi.

Il Comitato Scientifico, presieduto dal Direttore, esprime le linee strategiche del Centro mentre il Consiglio di Gestione, a cui partecipa almeno un membro almeno di ogni istituzione aderente, è un organo più esecutivo.

La GAME SCIENCE è un'area emergente e ancora parzialmente indefinita della ricerca scientifica, caratterizzata da una forte attenzione multidisciplinare che abbraccia molte discipline diverse, che indaga vari fenomeni legati alla nozione di "gioco", inteso sia come modello di comportamento strategico (cioè, processo decisionale interattivo) sia come sistema di regole e meccanismi per le attività ludiche (cioè gioco e gioco).

La scienza del gioco comprende il campo dei game studies, nonché la teoria dei giochi e le relative aree quantitative di ricerca. Come modello di comportamento strategico, un "gioco" offre un modo generale e flessibile di descrivere e spiegare i fenomeni del processo decisionale interattivo, promuovendo la nostra comprensione delle loro dinamiche e aiutando a prevederne i risultati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

D'altra parte, un "gioco", in quanto attività organizzata attorno a regole ben definite, incarna una parte importante delle attività socialmente organizzate e può rappresentare uno strumento valido per aumentare la motivazione, la prevenzione e il supporto sanitario, la raccolta di dati scientifici, la divulgazione scientifica, il cambiamento culturale e sociale e persino l’esplorazione artistica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positiva al virus ma esce in bicicletta, denunciata a Modena una 47enne

  • Famiglia senza più soldi, dopo l'annuncio in tv la spesa arriva a casa

  • Buoni spesa, a Modena fino a 500 euro a famiglia. Domande da lunedì

  • Covid-19. Muore a soli 36 anni la delegata sindacale di Villa Margherita

  • Coronavirus, in Emilia-Romagna 608 positivi e 75 decessi in più

  • Covid-19, da Modena lo studio per comprendere come funziona l’infezione 

Torna su
ModenaToday è in caricamento