Nuovo teatro delle Passioni, partiti i lavori all'ex centrale Enel

Visita al cantiere della riqualificazione dell’ex edificio industriale nel comparto Amcm di Modena, intervento da 5 milioni di euro: “Energie nuove in Centrale”

La sala da teatro da 150 posti verrà realizzata nel grande spazio che una volta ospitava il carro ponte e i trasformatori della centrale dell’Enel, mentre il foyer sarà sul “cannocchiale” di collegamento tra le ampie vetrate degli ingressi che, in accordo con la Soprintendenza, hanno sostituito le serrande industriali; qui scorrevano i binari e i mezzi pesanti entravano per scaricarvi i materiali da utilizzare nella struttura produttiva, ora diventerà il luogo dell’accoglienza del pubblico. Su quelle vetrate retroilluminate che affacciano su una delle piazze che saranno riqualificate verranno proiettate le immagini degli spettacoli del Nuovo Teatro delle Passioni. E in alto, sopra la sala da teatro, ci sarà posto anche per un bar, con ristorante e un ampio terrazzo sulla copertura

La visita al cantiere che dovrà trasformare l’edificio di archeologia industriale del comparto Amcm di Modena in un moderno teatro rappresenta anche un viaggio nel tempo, come suggerisce la suggestione del cartello installato con l’avvio dei lavori: “Energie nuove in centrale”, dalla produzione di energia elettrica per la città di inizio Novecento alla produzione teatrale, allo spettacolo, alla cultura e alla creatività con Emilia Romagna Teatro.

È proprio questo il progetto dell’operazione di rigenerazione urbana in corso nell’area tra via Buon Pastore, via Carlo Sigonio e via Peretti, destinata a trasformarsi, appunto, nel Parco della creatività dove già è stato terminato l’intervento nel vicino edificio dell’ex Aem, sede della scuola di teatro di Ert e da inizio anno del Laboratorio aperto sul tema “cultura, spettacolo, creatività”.

Alla visita al cantiere dell’ex Enel, insieme a tecnici e progettisti, hanno partecipato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli, l’assessore regionale a Turismo e commercio Andrea Corsini, il vicesindaco e assessore alla Cultura Gianpietro Cavazza.

I lavori, per un un valore complessivo di cinque milioni di euro, riguardano il primo stralcio funzionale dell’intervento, relativo a una superficie di 2.200 metri quadri rispetto alla superficie totale dello stabile di 5.500 metri, e consentiranno di realizzare la sala spettacolo da 150 posti, i camerini, il foyer con biglietteria e guardaroba nel corpo centrale, un bar ristorante con soppalco e accesso sul terrazzo, oltre alle opere di adeguamento sismico e antincendio dell'intero edificio nonché le opere impiantistiche esterne e il polo tecnologico in sede remota. L’obiettivo è terminare i lavori a marzo 2020.

Per l’intervento sull’ex Enel il Comune ha ottenuto un finanziamento europeo di due milioni e 850 mila euro sull’Asse 5 (Valorizzazione delle risorse artistiche, culturali e ambientali) del Por Fesr Emilia-Romagna 2014-2020 ai quali ha aggiunto due milioni e 150 mila euro di risorse proprie. L’intervento è stato aggiudicato all’associazione temporanea di imprese costituita da Cme (Consorzio imprenditori edili di Modena) e Ot srl di Mirandola; l’impresa esecutrice è Sacogen srl.

Con il secondo stralcio dei lavori, il cui valore sarà intorno ai sette milioni di euro, è prevista la costruzione di un'altra sala teatrale (da 400 posti, con platea e galleria, palcoscenico rialzato e torre scenica), dei relativi servizi, dei camerini, dei depositi e degli uffici della sede di Ert.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Pota gli alberi accanto alla linea elettrica fingendosi un addetto Hera e intasca 1.300 euro

  • Chirurgia protesica del ginocchio, importante premio per il sassolese Francesco Fiacchi

  • Sanità. Lo screening prenatale NIPT diventerà gratuito per tutte le donne in gravidanza

  • Contromano in Tangenziale, un agente salta in guardrail e lo blocca

  • Locale sovraffollato, denunciati i gestori e sequestrato l'Oltrecafè

Torna su
ModenaToday è in caricamento