Casa della Salute nei locali della Charitas, partono i lavori di ristrutturazione

L'Azienda pubblica di servizi alla persona (Asp) "Charitas" riqualificherà l'edificio, realizzato nel 2000 e attiguo alla sede storica di via Panni a Modena, per ospitare diversi servizi dell'azienda, tra cui la nuova lavanderia; l'intervento, inoltre, consente di liberare una parte della sede storica, rivolta su via Fratelli Rosselli, destinata a ospitare la nuova Casa della salute di Modena sud. L'intervento ha un costo complessivo di milione di euro, interamente finanziato dalla Fondazione Cassa di risparmio di Modena. 

L'appalto per la ristrutturazione sarà gestito della Provincia di Modena sulla base di una convenzione, approvata di recente, all'unanimità, dal Consiglio provinciale, allo scopo, come ha ricordato Gian Domenico Tomei, presidente della Provincia di Modena, «di fornire un supporto tecnico a una realtà che svolge un lavoro di grande rilievo dal punto di vista assistenziale, educativo e riabilitativo nei confronti di persone con grave disabilità e della quale la Provincia è socia e fa parte dell'assemblea di indirizzo e controllo».

Come sottolinea Mauro Rebecchi, presidente dell'Asp "Charitas", «l'investimento consente di ammodernare e potenziare i servizi interni dell'azienda, ristrutturando un intero piano dell'edificio con criteri all'insegna del risparmio energetico. Il progetto è pronto e puntiamo a partire con i lavori entro la fine del 2019. Lo spostamento della lavanderia, inoltre, consentirà di mettere a disposizione dell'Ausl la parte della sede storica dove sorgerà la nuova Casa della salute che ospiterà diversi servizi sanitari».

L'Asp "Charitas" vede come soci oltre alla Provincia, il Comune di Modena e la diocesi; l'azienda gestisce una struttura residenziale che ospita attualmente 60 persone con disabilità gravi, una residenza con otto persone con disabilità medie, una comunità alloggio con sei persone con disabilità lievi, oltre a un centro diurno che offre servizi assistenziali a circa 20 utenti.  Impegnati a vari livelli in questa complessa attività, rivolta a quasi un centinaio di persone disabili, ci sono 120 operatori.  L'azienda tra origine dall’istituzione storica modenese Charitas (Piccolo cottolengo), fondata nel 1942 da Monsignor Gerosa, poi trasformata da Ipab in Asp nel 2007. L'area di via Panni dell'Asp "Charitas" si estende su una superficie di circa  40 mila metri quadrati tra strutture attrezzate e verde. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secchia e Panaro in piena, i ponti restano chiusi. Si contano i danni per gli allagamenti

  • Indagine sui prezzi nei supermercati: Esselunga e Coop si dividono la spesa online

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Tortellini e gnocco fritto nel cuore della City, "Bottega Modena" sbarca a Londra

  • Niente comizio in centro per Salvini. E le "sardine" si spostano in Piazza Grande

  • Salvini arriva a Modena, Anche sotto la Ghirlandina scatta la mobilitazione delle "sardine"

Torna su
ModenaToday è in caricamento