Salute. La Regione attiva un numero verde dedicato per le urgenze oncologiche

Nasce l'idea di un "pronto soccorso" telefonico per le neoplasie, con medici specialisti a disposizione di tutti i malati, uomini e donne. Per il tumore ovarico, la richiesta specifica di organizzare attività mirate di comunicazione, per le pazienti e il pubblico, e di garantire le risorse necessarie per effettuare i test genetici

Un numero verde dedicato, presso il Policlinico Sant’Orsola-Malpighi, attivo alla seradalle 20 fino alla mattina, nei giorni festivi e nei fine settimana, in grado di rispondere a tutti - uomini e donne - su qualunque tipo di neoplasia. Una sorta di “pronto soccorso” telefonico per le urgenze, con medici specialisti per dare risposte o consigli a chi ne ha bisogno, anche negli orari più imprevedibili.

È una propostapienamente condivisa dalla Regione, dell’associazione bolognese Loto onlus, che si occupa nello specifico di tumore dell’ovaio, aiutando le pazienti e operando perché ci sia sempre più informazione su questa patologia. Patologia che vede, a livello nazionale, circa 5.200 nuovi casi l’anno, di cui 350-400 in Emilia-Romagna.

L’idea di istituire un numero verde sulle neoplasie è stata illustrata oggi dalla presidente di Loto onlus, Sandra Balboni, che con la vice Monica Bravi e la consigliera Gigliola Schwarz, hanno incontrato in viale Aldo Moro il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e l’assessore alle Politiche per la salute, Sergio Venturi.

Oltre al numero verde per le urgenze, Loto onlus ha proposto alla Regione di organizzare una serie di attività, a livello comunicativo, sul tumore ovarico e ha chiesto che vengano assicurate risorse per garantire in tempi ragionevoli lo svolgimento di test genetici (‘BRCA1’ e ‘BRCA2’) che servono ad individuare/orientare i trattamenti in modo più efficace e mirato.

“Concordiamo pienamente su tutti e tre i punti- commentano il presidente Bonaccini e l’assessore Venturi-. Ancora una volta, e ci teniamo a ribadirlo, il parere dei pazienti e il supporto delle associazioni di volontariato ci aiuta a migliorare ulteriormente la qualità del nostro servizio sanitario. Metteremo quindi a disposizione risorse organizzative e competenze specialistiche, perché queste attività possano essere avviate in tempi rapidi. Vogliamo essere il più possibile vicini a pazienti che si devono purtroppo confrontare con patologie così importanti- concludono presidente e assessore-, per cui ogni strumento in più può essere davvero prezioso”.

L’utilità di istituire un numero verde con esperti in grado di rispondere sulle neoplasie è emersa da un questionario di valutazione, realizzato dall’associazione Loto, a cui hanno risposto le pazienti del Day Hospital Oncologia Medica Addarii.
Per quanto riguarda l’organizzazione di attività specifiche a livello comunicativo sul tumore ovarico, all’interno dei percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali il punto di partenza è la delibera regionale 2113 del 2017 che individua il centro di riferimento regionale per il trattamento della neoplasia ovarica presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto a soli 37 anni Giuseppe Loschi, medico del Modena Fc

  • Carambola fra quattro auto in via Giardini a Formigine, grave un'anziana

  • Mirandola, in manette il datore di lavoro del 39enne violentato: "Vittima totalmente succube"

  • Sospetto caso di Dengue, disinfestazioni in tre aree della città

  • Cadavere accanto all'auto ribaltata nel bosco, sarebbe la barista scomparsa

  • Benefici delle piante grasse: 5 motivi per cui averle favorisce la salute

Torna su
ModenaToday è in caricamento