In tanti a letto con l'influenza, il picco dell'epidemia è arrivato

Boom di malati in ritardo rispetto alla passata stagione. Fondamentali le misure protezione e precauzione utili a limitare la diffusione del virus

I dati relativi all'epidemia di influenza nella quarta settimana del 2019 mostrano una curva in fase di crescita, in ritardo rispetto a quello della passata stagione quando il picco si era verificato intorno alle seconda settimana dell’anno. “Siamo in una fase medio-alta dell’epidemia – spiega Giovanni Casaletti, Direttore del Servizio di Igiene Pubblica dell’Azienda USL di Modena – ma la curva epidemica ha iniziato a salire più tardi rispetto al 2018 ed è ancora, per il momento, inferiore a quella della scorsa stagione influenzale. Non possiamo sapere se questo sia riconducibile a uno spostamento in avanti del picco, che dunque potrebbe arrivare nelle prossime settimane, oppure se i dati di incidenza cominceranno ad entrare entro breve in una fase discendente”.

Il numero di casi stimati dall’Istituto Superiore di Sanità in questa settimana a livello nazionale è pari a circa 725.000, per un totale, dall’inizio della sorveglianza (15 ottobre 2018), di circa 3.605.000 casi con un livello di incidenza, pari a circa 12 casi per mille assistiti. Sono stati finora segnalati 191 casi gravi da influenza confermata di cui 39 deceduti. Nel 77% dei casi gravi e nell’82% dei deceduti era presente almeno una condizione di rischio preesistente (diabete, tumori, malattie cardiovascolari, malattie respiratorie croniche, obesità, ecc.) e l'84% dei casi risulta non vaccinato. Quattro casi gravi si sono verificati in donne in stato di gravidanza.

“In questa fase – aggiunge Casaletti – diviene fondamentale attivare tutte quelle misure di protezione e precauzione utili a limitare la diffusione del virus: lavarsi spesso le mani con il sapone, coprirsi naso e bocca ogni volta che si starnutisce o tossisce e poi lavarsi le mani; utilizzare fazzoletti monouso, gettarli nel cestino e lavarsi le mani. In caso di sintomi riconducibili all’influenza, infine, è sempre importante limitare i contatti con altre persone, soprattutto se fragili come bambini e ragazzi, anziani, donne in gravidanza e persone immunodepresse”.

Comportamenti scorretti – come volersi recare al lavoro a tutti i costi o continuare nelle proprie attività quotidiane ignorando i sintomi – oltre a contribuire alla diffusione dell’influenza, espongono anche chi è ammalato al rischio di contrarre altre infezioni batteriche, peggiorando una situazione dalla quale ci si riprende, generalmente, con il riposo. Per la cura dei sintomi è sempre indicato rivolgersi al medico curante o alla guardia medica, recandosi al Pronto soccorso solo quando strettamente necessario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per prevenire la diffusione dell'influenza ecco alcune semplici misure di protezione e precauzione:

  • lavarsi spesso le mani con il sapone;
  • coprirsi naso e bocca ogni volta che si starnutisce o tossisce e poi lavarsi le mani;
  • utilizzare fazzoletti monouso, gettarli nel cestino e lavarsi le mani;
  • in caso di sintomi di influenza, limitare i contatti con altre persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro sulla Tangenziale di Vignola, deceduta una automobilista

  • "I caporali fuori dalla Coop", protesta davanti al supermercato di Formigine

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Apre il Drive-in di Maranello, domani la prima proiezione

  • Si presenta al Pronto Soccorso dopo una lite, ma porta con sè la cocaina. Arrestato

  • Precipita nel vuoto durante un'escursione, muore un 63enne modenese

Torna su
ModenaToday è in caricamento