In tanti a letto con l'influenza, il picco dell'epidemia è arrivato

Boom di malati in ritardo rispetto alla passata stagione. Fondamentali le misure protezione e precauzione utili a limitare la diffusione del virus

I dati relativi all'epidemia di influenza nella quarta settimana del 2019 mostrano una curva in fase di crescita, in ritardo rispetto a quello della passata stagione quando il picco si era verificato intorno alle seconda settimana dell’anno. “Siamo in una fase medio-alta dell’epidemia – spiega Giovanni Casaletti, Direttore del Servizio di Igiene Pubblica dell’Azienda USL di Modena – ma la curva epidemica ha iniziato a salire più tardi rispetto al 2018 ed è ancora, per il momento, inferiore a quella della scorsa stagione influenzale. Non possiamo sapere se questo sia riconducibile a uno spostamento in avanti del picco, che dunque potrebbe arrivare nelle prossime settimane, oppure se i dati di incidenza cominceranno ad entrare entro breve in una fase discendente”.

Il numero di casi stimati dall’Istituto Superiore di Sanità in questa settimana a livello nazionale è pari a circa 725.000, per un totale, dall’inizio della sorveglianza (15 ottobre 2018), di circa 3.605.000 casi con un livello di incidenza, pari a circa 12 casi per mille assistiti. Sono stati finora segnalati 191 casi gravi da influenza confermata di cui 39 deceduti. Nel 77% dei casi gravi e nell’82% dei deceduti era presente almeno una condizione di rischio preesistente (diabete, tumori, malattie cardiovascolari, malattie respiratorie croniche, obesità, ecc.) e l'84% dei casi risulta non vaccinato. Quattro casi gravi si sono verificati in donne in stato di gravidanza.

“In questa fase – aggiunge Casaletti – diviene fondamentale attivare tutte quelle misure di protezione e precauzione utili a limitare la diffusione del virus: lavarsi spesso le mani con il sapone, coprirsi naso e bocca ogni volta che si starnutisce o tossisce e poi lavarsi le mani; utilizzare fazzoletti monouso, gettarli nel cestino e lavarsi le mani. In caso di sintomi riconducibili all’influenza, infine, è sempre importante limitare i contatti con altre persone, soprattutto se fragili come bambini e ragazzi, anziani, donne in gravidanza e persone immunodepresse”.

Comportamenti scorretti – come volersi recare al lavoro a tutti i costi o continuare nelle proprie attività quotidiane ignorando i sintomi – oltre a contribuire alla diffusione dell’influenza, espongono anche chi è ammalato al rischio di contrarre altre infezioni batteriche, peggiorando una situazione dalla quale ci si riprende, generalmente, con il riposo. Per la cura dei sintomi è sempre indicato rivolgersi al medico curante o alla guardia medica, recandosi al Pronto soccorso solo quando strettamente necessario.

Per prevenire la diffusione dell'influenza ecco alcune semplici misure di protezione e precauzione:

  • lavarsi spesso le mani con il sapone;
  • coprirsi naso e bocca ogni volta che si starnutisce o tossisce e poi lavarsi le mani;
  • utilizzare fazzoletti monouso, gettarli nel cestino e lavarsi le mani;
  • in caso di sintomi di influenza, limitare i contatti con altre persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Indagine sui prezzi nei supermercati: Esselunga e Coop si dividono la spesa online

  • Secchia e Panaro in piena, i ponti restano chiusi. Si contano i danni per gli allagamenti

  • Si cappotta con l'auto lungo la Circondariale, muore un giovane a Fiorano

  • Niente comizio in centro per Salvini. E le "sardine" si spostano in Piazza Grande

  • Il Panaro raggiunge livelli ciritici, chiude via Emilia. La situazione della viabilità

  • Salvini arriva a Modena, Anche sotto la Ghirlandina scatta la mobilitazione delle "sardine"

Torna su
ModenaToday è in caricamento