“Progetto Eugheny”,cooperazione internazionale per prevenire il disagio minorile

Si chiama “Progetto Eugheny” la ragione dell’incontro-scambio dal 28 al 30 ottobre a Braghin, in Bielorussia, della rappresentanza dell’Associazione Chernobyl di Maranello e Formigine  e dell’Associazione San Matteo di Nichelino insieme ad alcune operatrici del servizio tutela minori del Distretto Ceramico.

Il progetto  Eugheny nasce dai progetti di accoglienza e di risanamento dei bambini bielorussi provenienti da molti villaggi della provincia di Braghin, ancora oggi tra le aree più contaminate dal disastro nucleare di Chernobyl. Nel tempo, le due associazioni gemellate hanno portato a termine molte importanti iniziative volte ad aiutare sul posto le famiglie con bambini in  situazione di disagio e gli stessi minori che in alcuni gravi situazioni hanno dovuto essere allontanati ed ospitati nel Priut (Istituto di Assistenza Temporanea), nelle case famiglia o nelle famiglie affidatarie.

Ad oggi il progetto è giunto alla fase 2, ove è avvenuto uno scambio di esperienze professionali tra i Dirigenti del Servizio Sociale del Dipartimento Istruzione di Braghin con due operatrici Assistenti Sociali, Taricco Romana e Griguoli Giuseppina del Servizio Sociale Tutela Minori del Distretto Ceramico; accolti presso la sede dei servizi a Braghin le operatrici del Distretto Sassolese hanno condiviso con le colleghe bielorusse la legislazione in vigore nei due Paesi sui temi della tutela minori, delle strutture di accoglienza e degli strumenti a sostegno delle famiglie disagiate. Si è parlato di affidamento familiare, si sono condivise le modalità e le varie forme di accoglienza dei minori a sostegno delle famiglie in difficoltà del nostro distretto ceramico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La seconda fase del progetto continua: dal 9 al 14 dicembre sarà infatti la volta di Braghin di restituire la visita; dapprima visiteranno l’associazione San Matteo a Nichelino e dall’11 dicembre al 14 dicembre saranno presenti nel territorio del Distretto Ceramico, accolte dall’Associazione Chernobyl e in visita presso i servizi della tutela minori. Lo scambio si concluderà con un Convegno, sabato mattina 14 dicembre presso le sale del Castello di Formigine, ove saranno presenti tutti gli attori e i partner dello scambio per concludersi con la firma dell’accordo per il prosieguo del “Progetto Eugheny” che prevede di andare oltre il semplice aiuto economico alle famiglie in disagio; l’ambizione è quella di diffondere sul territorio della provincia di Braghin le buone pratiche del distretto ceramico, molto apprezzate dai Servizi Sociali di Braghin durante gli incontri in Bielorussia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro sulla Tangenziale di Vignola, deceduta una automobilista

  • "I caporali fuori dalla Coop", protesta davanti al supermercato di Formigine

  • Apre il Drive-in di Maranello, domani la prima proiezione

  • Si presenta al Pronto Soccorso dopo una lite, ma porta con sè la cocaina. Arrestato

  • Precipita nel vuoto durante un'escursione, muore un 63enne modenese

  • Nuova ordinanza regionale, addio al distanziamento su autobus e treni

Torna su
ModenaToday è in caricamento