Casa della Salute di Finale Emilia, via al rinnovamento edilizio 

Concluso il primo step del bando europeo con le domande di partecipazione In programma la realizzazione dell’OsCo e l’adeguamento alle norme sismiche. “Si valorizza una struttura già eccellente”

Si è chiusa nei giorni scorsi la prima tappa prevista dal bando per la riqualificazione della Casa della Salute di Finale Emilia, relativa alla presentazione delle domande di partecipazione alla gara d’appalto. Una procedura articolata - trattandosi di bando europeo - che si concluderà con l’aggiudicazione dei lavori, per un totale di circa 6 milioni di euro.

“La riqualificazione edilizia – spiega Massimo Fancinelli, Direttore del Distretto sanitario di Mirandola – prevede l’adeguamento alle vigenti normative sulla sicurezza (sismica e antincendio) e la realizzazione dell’Ospedale di Comunità (OsCo), una struttura per le cure intermedie, in cui opereranno infermieri e i Medici di Medicina generale.

Nell’Ospedale di Comunità verranno trattati sia i pazienti dimessi in condizioni stabili dagli ospedali che richiedano una fase di preparazione al rientro a domicilio, così come i cittadini che hanno necessità di cure che richiedono una presenza infermieristica ad elevata intensità non erogabile a domicilio. L’OsCo – precisa Fancinelli – che sarà un importante punto di riferimento per la rete di cura e per la formazione dei familiari e dei caregivers, andrà a insediarsi in una struttura già di ottimo livello, che vanta servizi eccellenti per la Comunità finalese”.

Ne sono un esempio la forte integrazione tra Punto di primo intervento e il Servizio di continuità assistenziale, in grado di dare risposte ai cittadini dell’intera Area Nord 7 giorni su 7 e 24 ore su 24, l’Ambulatorio infermieristico per il trattamento delle lesioni aperte (A.L.A.) e il Percorso diagnostico terapeutico assistenziale (Pdta) per il diabete. Il ventaglio dell’offerta della Casa della Salute di Finale Emilia si arricchirà a breve con altri servizi, tra i quali i percorsi dedicati alle bronchiti croniche ostruttive e allo scompenso cardiaco, in risposta a specifici bisogni di salute dei cittadini dell’Area Nord della Provincia.

La Casa della Salute di Finale, inoltre, fa parte del progetto di progressiva estensione della diagnostica di laboratorio decentrata con l’attivazione di strumentazioni PoCT (Point of care testing) per l’esecuzione di esami in pochi minuti anche nelle strutture territoriali ed in luoghi più vicini al paziente. Grazie alle indagini sarà possibile una immediata diagnosi migliorando ulteriormente l’operatività, anche in urgenza, ed elevando così il grado di sicurezza della struttura stessa per il paziente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Mirandola, in carcere il giovane nordafricano. Migliorano i feriti

  • Attualità

    Efficienza della pubblica amministrazione, il Comune di Modena al 19esimo posto

  • Cronaca

    Ancora scontri davanti a Italpizza, delegato SI Sobas portato in Questura

  • Politica

    I candidati disertano senza preavviso il confronto con Rete Imprese. Si presenta solo Muzzarelli

I più letti della settimana

  • Travolti dopo un incidente, due morti nel tratto modenese della A1

  • Arrivo di tappa a Modena, le strade chiuse per il passaggio del Giro

  • Incidente mortale in A1, individuata l'auto pirata. Autopsia per le due vittime

  • Dà fuoco alla sede della Municipale a Mirandola e causa due morti e diversi feriti. Arrestato

  • L'agriturismo La Falda chiude dopo l'allagamento, "Le istituzioni non hanno mai fatto le debite manutenzioni"

  • Folle corsa per seminare la Polizia, poi il frontale con la Volante. Due arresti

Torna su
ModenaToday è in caricamento