Solidarietà: parte la campagna “100 + 1 modi di fare volontariato”

Dalla salute all’infanzia, alla cura e al tempo libero. Una campagna per aumentare il numero di chi presta un servizio a favore di tutta la cittadinanza

Fare volontariato è bello, arricchisce sia chi è beneficiato che il volontario. E  a Modena e provincia diventare volontario è anche  facile, grazie ad un tessuto di centinaia di associazioni ed enti che contribuiscono in modo determinante a rendere migliore la qualità della vita di tutti i cittadini. Sono più di 1600 le associazioni attive sul territorio modenese, impegnate negli ambiti più diversi: salute, infanzia, ambiente e animali, servizi alla persona, cultura e tempo libero.

Parte da  qui la grande campagna “100 + 1 modi di fare volontariato” promossa dal Centro Servizi Volontariato su tutto il territorio modenese. L’obiettivo è quello di aumentare il numero di cittadini che possono dedicare qualche ora del proprio tempo a servizio della comunità, scegliendo tra le tante realtà e opportunità di volontariato presenti tra Modena e provincia, ma anche quello di rimettere al centro un servizio preziosissimo che, troppe volte, si tende a dare per scontato.

“In un periodo in cui viene messo in discussione il valore dell’impegno per gli altri, ci sembra importante ribadire che fare il bene è una cosa buona e indispensabile – dice il presidente del Csv Alberto Caldana - “100 + 1 modi di fare volontariato” è una vera e propria chiamata all’azione, un modo per stimolare le persone ad assumere, per una piccola parte del proprio tempo, un servizio volontario. Perché i volontari sono, appunto, persone come tutte che scelgono di ‘regalare’ un poco di tempo a favore della comunità”.

La campagna sarà attiva a partire da metà ottobre e per il mese di novembre e riguarderà sia i social media che altri canali più tradizionali.

In questo periodo, inoltre, si sta perfezionando la fusione tra il Centro Servizi per il Volontariato di Modena e quello di Ferrara, prevista dalla Riforma del Terzo Settore.
In Emilia-Romagna, da 9 Csv presenti si passerà a 4: uno tra Piacenza, Parma e Reggio Emilia, quello di Bologna città metropolitana, uno romagnolo con Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini e, appunto, quello di Modena e Ferrara che dal 2020 diventerà Csv Terre Estensi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per  saperne di più sulle opportunità di volontariato del territorio telefonare allo 059/212003, scrivere a info@volontariamo.it e consultare il sito di Volontariamo 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Coronavirus, 71 nuovi positivi, di cui 48 asintomatici. A Modena focolaio in un prosciuttificio

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Forno rumoroso in centro storico, sequestrati i locali per la produzione

Torna su
ModenaToday è in caricamento