Unimore: Due nuovi professori associati in Chirurgia dei Trapianti e Oculistica

Prof. Rodolfo Mastropasqua e prof. Stefano di Sandro, sono loro che vanno ad aggiungersi ai team di Oculistica e Chirurgia Oncologica e Chirurgia dei Trapianti di fegato. Consolideranno l’attività di assistenza, didattica e ricerca scientifica

Due nuovi Professori Associati di Unimore hanno preso servizio dal 1 dicembre in due importanti Strutture Complesse dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena.

Si tratta del prof. Rodolfo Mastropasqua, in Oculistica, e del prof. Stefano di Sandro, in Chirurgia Oncologica Epato-bilio-pancreatica e Chirurgia dei Trapianti di fegato.

Siamo molto contenti dell’arrivo del prof. Rodolfo Mastropasqua ha commentato il prof. Gian Maria Cavallini, Direttore dell’Oculistica del Policlinico – che con le sue competenze potrà rafforzare la nostra unità operativa sia sotto un profilo clinico nel campo della chirurgia vitreoretinica che nella ricerca applicata alla clinica. Le sue collaborazioni nazionali ed internazionali amplieranno le prospettive di scambio culturale e di crescita professionale della Scuola di Specializzazione in Oftalmologia dell'Università di Modena e Reggio Emilia. Nella speranza che possa continuare il percorso di ricercatore e di clinico nel migliore dei modi gli rivolgiamo un sincero benvenuto anche da parte di tutto il personale della Struttura Complessa di Oftalmologia

Il programma chirurgico e scientifico della Unità Operativa da me diretta - ha precisato il prof. Fabrizio Di Benedetto, Direttore della Chirurgia Oncologica Epato-bilio-pancreatica e Chirurgia dei Trapianti di fegato - è in continua espansione e rafforzamento. In linea con questo percorso siamo molto contenti di aver aggiunto al mio staff chirurgico la figura del Professor Stefano Di Sandro, giovane chirurgo che ha maturato una importante esperienza nel campo della chirurgia dei trapianti di organi addominali e chirurgia robotica attraverso percorsi professionali svolti in strutture d’eccellenza sia in Italia che all’estero. Dopo aver esegito oltre 200 procedure di chirurgia robotica addominale per patologia oncologica, nelle ultime settimane con il mio staff ed il professor Di Sandro abbiamo eseguito i primi due casi in Emilia - Romagna di trapianto di rene da donatore vivente con prelievo totalmente robotico.”

Stefano Di Sandro è nato a Venafro (IS) il 25-12-1982, si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Ha conseguito la Specializzazione in Chirurgia Generale presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha ottenuto il Diploma Europeo in Chirurgia Oncologica Epato-bilio-pancreatica presso l’Università Paris XI ed il Dottorato di Ricerca in Chirurgia Sperimentale e Microchirurgia presso l’Università degli Studi di Pavia. Negli anni di Formazione Medica ha svolto una Internship presso il Transplant Department della Thomas Jefferson Univerisity di Philadelphia. Ha svolto una visiting fellowship, durante la specializzazione, presso il Transplant Department della Columbia University di New York ed ho frequentato a lungo, da studente interno, il Centro Trapianti di Fegato e Multiviscerale dell’Università di Modena. Dal 2014 ha lavorato come Dirigente Medico presso il reparto di Chirurgia Generale e dei Trapianti dell'Ospedale Niguarda Ca' Granda di Milano. Si è occupato soprattutto di chirurgia dei trapianti di organi addominali e chirurgia robotica e laparoscopica applicata alla patologica oncologica epato-bilio-pancreatica e alla chirurgia dei trapianti. All'attività clinica ed operatoria ha associato l'attività scientifica e di ricerca con la pubblicazione di circa 140 lavori scientifici su riviste nazionali e internazionali, l’assegnazione di riconoscimenti internazionali e nazionali e la partecipazione come co-investigator a numerosi trials clinici internazionali e nazionali. 

L’opportunità di entrare a far parte di questa Università, la stessa in cui 12 anni fa mi sono laureato, è stata un’occasione unica di straordinaria importanza per me ha affermato il prof. Stefano Di Sandro - L’UNIMORE è un Ateneo prestigioso, tra i più prestigiosi in Italia. Per me è un grande privilegio e motivo di grande entusiasmo avere un ruolo accademico in questo Dipartimento Chirurgico. Allo stesso tempo sento forte il senso di responsabilità per gli obiettivi che insieme a tutto lo staff del Professor Di Benedetto si intende conseguire. Ringrazio tutti gli organi Universitari e Ospedalieri per la bellissima e calda accoglienza che mi è stata riservata. Conto di poter mettere a disposizione dello staff di cui ora faccio parte tutte le mie conoscenze clinico chirurgiche e scientifiche affinché il mio contributo possa aiutare ancora di più l’Università di Modena e l’AOU di Modena a distinguersi nel mondo scientifico e clinico-chirurgico” 

Rodolfo Mastropasqua si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi G. D’Annunzio di Chieti-Pescara. Ha conseguito la Specializzazione in Oftalmologia presso l’Università degli studi di Verona nel 2016. Ho ottenuto il diploma di Fellow of the European Board of Ophthalmology (FEBO) nel 2016 e sono diventato docente del Board nell’anno seguente. Ho lavorato in Inghilterra dapprima come ricercatore e poi come chirurgo vitreoretinico e della cataratta per 5 anni, presso il Moorfields Eye Hospital ed il Whipps Cross Hospital di Londra ed il Bristol Eye Hospital. Ho svolto come primo operatore oltre 1000 procedure di chirurgia oftalmica. Sono autore di oltre 100 pubblicazioni su riviste internazionali, con principali linee di ricerca la retina (medica e chirurgica) ed il glaucoma.

Lavorare come Professore Associato presso l’Università di Modena è un grande onore ed un grande stimolo per obiettivi futuriha commentato il prof. Mastropasqua - tenendo sempre come priorità l’interesse del paziente”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Patente a punti. Come fare controllo e verifica del saldo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Furto in casa a Vignola, setacciati i "compro oro" e denunciata una ragazza

Torna su
ModenaToday è in caricamento