Unimore, Sara De Biasi premiata al congresso di Immunologia

Unimore torna a distinguersi per un importante riconoscimento scientifico con la dott.ssa Sara De Biasi. Assegnato il premio al congresso di Immunologia per un nuovo studio sul sistema immunitario dei pazienti affetti da HIV

È stato assegnato ad una ricercatrice di Unimore il primo premio al congresso di Immunologia “Infection Lab” che ha visto la partecipazione di oltre 50 giovani infettivologi italiani, under 40, provenienti da tutta Italia.

Si tratta della dott.ssa Sara De Biasi, ricercatrice presso il laboratorio di Immunologia diretto dal prof. Andrea Cossarizza, che si è aggiudicata il primo premio del valore di due mila euro nella sessione ricerca di base per il contributo scientifico dal titolo “T cell phenotype and functionality in HIV+ patients who underwent liver transplantation”. Il premio ricevuto consentirà alla dott.ssa Sara De Biasi di poter approfondire la sua ricerca con un nuovo studio sul sistema immunitario dei pazienti affetti da HIV.

E’ stato un grande piacere - afferma la dott.ssa Sara De Biasi di Unimore - ricevere questo riconoscimento che premia tutto il gruppo di ricerca che ha contribuito allo studio, e spero che questo premio sia di buon auspicio per iniziare un nuovo studio su questa categoria di pazienti i cui meccanismi di regolazione del sistema immunitario rimangono ancora abbastanza sconosciuti”.

Per questo studio sono stati arruolati 108 soggetti, suddivisi in 4 gruppi: soggetti sani; soggetti con HIV; soggetti che hanno ricevuto un trapianto di fegato; soggetti con HIV che hanno ricevuto un trapianto di fegato. Lo scopo della ricerca era quello di capire come il sistema immunitario dei pazienti HIV+ (positivi), che hanno ricevuto un trapianto di fegato, venisse modificato dopo l’assunzione della terapia immunosoppressiva al fine di trovare un marcatore che potesse aiutare nella somministrazione della terapia immunosoppressiva in caso di insorgenza di infezioni virali e batteriche. Grazie a tecnologia di ultima è stato trovato un filo conduttore che fa  ipotizzare che il sistema immunitario di questi ultimi rimanga maggiormente in grado di rispondere a stimoli esterni.

Sara De Biasi è nata a Mantova e ha conseguito la laurea specialistica nel 2009 in Biotecnologie Mediche e Farmaceutiche presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Nel 2014 ha ottenuto il titolo di Dottore di Ricerca in Medicina Clinica e Sperimentale presso la stessa Università. Svolge ricerca in ambito dell’Immunologia nel laboratorio del prof. Andrea Cossarizza (Cattedra di Patologia Generale). Tra i suoi risultati scientifici/tecnologici più significativi vi sono la messa a punto di metodiche per l’individuazione e la caratterizzazione di cellule rare nel sangue periferico. Oltre ad essere Scholar della Società Internazionale di Citometria (International Society for Advancement of Cytometry, ISAC) è autrice di 61 articoli peer reviewed su riviste scientifiche internazionali. Recentemente l’Università di Modena e Reggio Emilia le ha conferito un attestato di benemerenza per essersi distinta in ambito internazionale della ricerca scientifica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Coronavirus, 71 nuovi positivi, di cui 48 asintomatici. A Modena focolaio in un prosciuttificio

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Forno rumoroso in centro storico, sequestrati i locali per la produzione

Torna su
ModenaToday è in caricamento