Via Canaletto, volontari e richiedenti asilo ritinteggiano la Casa della Solidarietà

Un gruppo di stranieri accolti nei Cas cittadini affianca i volontari delle associazioni modenesi nei lavori

In via Canaletto 88 ha sede la Casa della Solidarietà che riunisce una quindicina di associazioni modenesi attive nel sociale e che si occupano prevalentemente di disabilità. Nei giorni scorsi, i volontari sono stati affiancati da diversi richiedenti asilo nei lavori di tinteggiatura che hanno interessato circa 1.200 metri quadrati di muri, uffici di associazioni, corridoi e spazi comuni.

Sono stati per la precisione 16 i richiedenti asilo, ospiti dei Centri di accoglienza straordinaria gestiti da Ceis, Caleidos, Porta aperta, Papa Giovanni XXIII e L’Angolo, impegnati nei lavori che riprenderanno nei prossimi mesi.

Infatti, dopo il trasferimento, che inizierà ad aprile, del Centro documentazione donna presso la Casa delle donne di Villa Ombrosa, verrà ultimata, sempre con il contributo dei richiedenti protezione internazionale, la tinteggiatura anche dei restanti locali, pari a circa 500 metri quadrati di pareti.

La scorsa settimana, 11 volontari provenienti dai Centri di accoglienza straordinaria, sempre coordinati dal Centro stranieri del Comune, insieme ai volontari del Verde dei Quartieri 3 e 4, hanno invece ripulito da foglie secche e rifiuti l’area verde che circonda la residenza protetta Ramazzini di via Luosi, che già in passato li aveva visti impegnati a pulire il parco e sistemare le panchine. Venerdì scorso, cogliendo l’occasione della ricorrenza della Giornata della donna, i richiedenti asilo, una terminata l’attività di pulizia all’esterno, si sono anche recati anche in visita alla struttura donando mimose ad ospiti ed operatrici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le attività di volontariato in aree della città, come la zona ex Macello e dello studentato di via delle Costellazioni, oltre che in diverse scuole, che già in passato hanno visto partecipare i beneficiari dei progetti di accoglienza per richiedenti protezione internazionale, s’inserisce nell'ambito delle iniziative promosse da varie associazioni di volontariato insieme all’assessorato al Welfare del Comune di Modena e rientrano nell’accordo sul volontariato dei richiedenti asilo che il Comune di Modena ha sottoscritto con Prefettura e Terzo settore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Coronavirus, 71 nuovi positivi, di cui 48 asintomatici. A Modena focolaio in un prosciuttificio

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Forno rumoroso in centro storico, sequestrati i locali per la produzione

Torna su
ModenaToday è in caricamento