Il primo whisky firmato da Bottura. Sarà all'asta per sostenere le mense per i poveri

Lo chef modenese punta soddisfa il sogno di creare un suo scotch che sarà venduto all'asta per sostenere la sua organizzazione Food Forse Soul

Un altro prodotto firmato da Massimo Bottura, questa volta però non del food piuttosto del beverage, ovvero il suo whisky ovviamente con posizionamento alto. Ad aiutarlo in questa sfida è stato il proprietario drlla distilleria scozzese The Dalmore, Richard Paterson, che si è distinto per whisky di successo, tra le più famose delle Highlands.

Da questa collaborazione è nato lo Schotch di Bottura invecchiato 49 anni L'Anima. Si tratra non solp di una bottoglia di grande valore, ma anche dalla preparazione e sapore unici. Tuttavia, la stranezza di questo prodotto non finisce qui, ma continua anche alla vendita, infatti l'unico modo per averlo sarà partecipando ad un'asta online che si terrà dal 25 Aprile al 9 Maggio.

Come Bottura ci ha già dimostrato in altre occasioni, il ricavato sarà destinato ad un fine nobile, in questo caso all'organizzazione Food for Sotheby's, ovvero la sua organizzazione, creata insieme alla moglie, Lala Gilmore, per agevolare il lavoro delle mensr per i poveri.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato il 16enne scomparso da Finale Emilia, sta bene

  • IQOS e sigarette elettroniche, presentato a Modena il primo studio sulla salute umana

  • Mirandola, in manette il datore di lavoro del 39enne violentato: "Vittima totalmente succube"

  • Morto a soli 37 anni Giuseppe Loschi, medico del Modena Fc

  • Muore sulla panchina del parco delle Rimembranze, inutili i soccorsi

  • Benefici delle piante grasse: 5 motivi per cui averle favorisce la salute

Torna su
ModenaToday è in caricamento