Giovane richiedente asilo aggredito con un cacciavite da un connazionale

Un 29enne è finito in ospedale dopo un diverbio sconfinato in una vera e propria aggressione. I Carabinieri hanno denunciato un 32enne ghanese pregiudicato per droga

Dopo alcuni accertamenti i Carabinieri di Modena hanno chiarito quanto avvenuto sabato scorso intorno alle ore 13 nei pressi del cimitero di San Cataldo, denunciando uno straniero per il reato di lesioni personali aggravate. Due giorni fa, infatti, un nigeriano di 31 anni si è reso protagonista di un'aggressione ai danni di un connazionale: a quanto pare la lite è scoppiata in strada per motivi ancora non formalmente chiariti, ma tali da spingere l'aggressore a ferire alla testa il "rivale" utilizzando un cacciavite.

La vittima, un 29enne ospitato in città come richiedente asilo, è stato soccorso da un'ambulanza del 118 e trasportato in ospedale. Qui è stato medicato e, vista l'entità fortunatamente non grave della lesione, è stato poi dimesso con una prognosi di 10 giorni.

Nel frattempo i Carabinieri hanno svolto indagini rapide per identificare l'uomo che si era allontanato e lo hanno individuato qualche ora dopo. Il 31enne nigeriano, come detto, è stato denunciato a piede libero: in Italia senza fissa dimora, era già noto per precedenti fatti legati allo spaccio di droga in città. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al parco Amendola, si allontana dalla casa di riposo e annega nel lago

  • Al supermercarto con il contenitore per alimenti portato da casa, a Modena si sperimenta

  • Lavoro nero, sospesa l'attività di una pizzeria di Maranello

  • Scappa di casa a soli 10 anni, ritrovato in stazione in piena notte

  • Fermata e denunciata per guida in stato di ebbrezza, chiama la sorella ma è alticcia pure lei

  • Inceneritore e qualità dell'aria: "I rifiuti da fuori Modena inquinano come 100mila auto"

Torna su
ModenaToday è in caricamento