giovedì, 18 dicembre 3℃

Scontri fra tifoserie in autogrill, sequestrato un arsenale "ultras"

Mazze, bastoni, passamontagna, caschi e petardi. Questo e molto altro è stato sequestrato ieri a 96 ultras milanisti in seguito a uno scontro avuto in area di servizio con i rivali napoletani

Redazione 2 aprile 2012

"Storie di ordinarie follie domenicali legato al calcio". Ha usato queste parole il Questore di Modena Giovanni Pinto per definire quanto accaduto ieri pomeriggio sull'Autosole: l'incontro casuale in autogrill  fra due tifoserie, quella milanista di ritorno da Catania e quella partenonpea diretta a Torino per Juventus-Napoli, è sfociato in rissa con un accoltellamento. Lo scontro si è verificato sul tratto bolognese dell'A1 nell'area di servizio di Cantagallo, mentre il fermo dei due torpedoni rossoneri è avvenuto nell'area di servizio Secchia nord. Dopo i controlli del caso, i pullman sono stati scortati in Questura in via Giovanni Palatucci per ulteriori accertamenti che hanno portato al rinvenimento all'interno dei mezzi di un vero e proprio arsenale ultras fatto di mazze, bastoni, petardi, fumogeni, passamontagna, caschi, sciarpe napoletane "bottino di guerra", quattro coltelli a serramanico e un dvd rubato in autogrill (il film "The Warrior", ancora custodito dentro la scatola antitaccheggio).

LO SCONTRO - Il contatto fra le due tifoserie è avvenuto ieri pomeriggio intorno alle 13:30. Da una parte una cinquantina di supporter napoletani formato anche da famiglie e minori, dall'altra 96 milanisti per lo più eterogenei per provenienza ed età (anche qui presenti alcuni minorenni) a bordo di due torpedoni. Le divergenze di opinioni in materia calcistica sono sfociate in uno scontro violento che si è concluso con il ferimento lieve di un napoletano (un 37enne accoltellato a una coscia e a una mano, ricoverato all'ospedale Maggiore di Bologna con una prognosi di 12 giorni). Un gruppo di rossoneri avrebbe affrontato i campani con spranghe, bastoni e coltelli, lanciando anche un fumogeno all' interno del loro pullman e causando parecchi danni. Durante il contatto ci sono stati anche il ferimento di uno dei napoletani e altri cinque contusi nella stessa tifoseria. Terminata la rissa, i rossoneri hanno proseguito il loro viaggio fino a quando, su segnalazione della Polizia Stradale di Bologna, sono entrati in azione gli uomini della Questura di Modena.

TUTTI IN QUESTURA - Dopo il primo fermo nell'area di servizio Secchia Nord, i pullman sono stati accompagnati in via Palatucci per il fotosegnalamento dei tifosi e per la perquisizione dei mezzi: nonostante il match Catania-Milan non sia stato teatro di tafferugli, questi ultras avevano con sé tutto l'occorrente per scatenare scontri. Tutti fotosegnalati, è di 22 persone (21 uomini e una donna) il bilancio dei denunciati grazie all'impianto di videosorveglianza dell'autogrill di Cantagallo, tutti appartenenti al gruppo di ultras "Curva sud" della tifoseria milanista: questi sono stati accusati di lesioni personali aggravate, porto ingiustificati di armi e oggetti atti a offendere, accensioni pericolose e danneggiamento aggravato. Oltre alla denuncia, per tutti scatterà un "Daspo", provvedimento che vieterà loro di accedere a manifestazioni sportive. Ulteriori analisi per la ricerca di eventuali tracce di sangue attendono i quattro coltelli sequestrati.

Annuncio promozionale

SANZIONI - Solo il fotosegnalamento per i tifosi, sanzioni amministrative invece per i quattro conducenti dei due mezzi: la Polizia Stradale ha accertato come non siano stati rispettati gli orari di riposo e limiti di ore di guida. In totale, 800 euro di multa sono state elevate alla ditta di trasporti proprietaria dei due mezzi su cui viaggiavano i supporter rossoneri.due autisti pero gni pullman, in teoria alternanza.

Bellaria
aggressioni

Commenti