Alcatraz, spunta la piscina della Virgin. A pochi metri da quella dei Vigili

Gli Amici del Nuoto e i residenti: "Un progetto grottesco, il Comune faccia chiarezza". Dopo il parco Ferrari un'altra spina nel fianco per la giunta

il-progetto-della-piscina-della-virgin

Modena, ormai, sembra essere destinata a litigare sulle piscine.  Niente di meno, direte voi. A differenza di quanto sostengono i nostri beneamati amministratori, però, qualche ragione per fare polemica c’è.  Dopo la discutissima piscina al parco Ferrari, ora, a poche centinaia di metri, fa discutere il progetto di un enorme costruzione, frutto (neanche a dirlo) dell’ennesima variazione di destinazione d’uso, che dovrebbe ospitare una palestra ed un’altra piscina di 23 metri. Ma non finisce qui. Perché tale piscina (da costruirsi sull’attuale parcheggio abbandonato dell’Alcatraz) sorgerebbe a pochi metri da quella, in funzione, dei Vigili del Fuoco. Dunque, ricapitolando: secondo i progetti approvati dal Comune, in un chilometro quadrato, verrebbero a trovarsi non una, non due ma ben tre piscine: al parco Ferrari, nel parcheggio del Direzionale e quella (già esistente) degli Amici del nuoto.

il-progetto-della-piscina-della-virgin_1

Ad arrabbiarsi, o meglio a chiedere urgenti spiegazioni e chiarimenti, questa volta, sono i residenti della zona di via Mons. della Valle e l’associazione che gestisce l’impianto sportivo esistente. Perché la piscina del Vigili del Fuoco, inaugurata agli inizi degli anni ’90, “rischia di sparire nel cono d’ombra del nuovo gigantesco progetto” (nelle foto). Tanto che sono già centinaia le firme raccolte per fare una petizione. Ma il problema è un altro: da dove sbuca l’idea di fare un’altra piscina? Tutto inizia quando il parcheggio dell’Alcatraz, chiuso da vent’anni, subisce una variazione di destinazione d’uso nei piani urbanistici del Comune. Sull’area viene progettata una costruzione di tre piani che accolga una grande palestra e, tra le righe, anche una piscina “per il solo relax” (troppo piccola per essere omologata secondo le regole del Coni). Gli Amici del Nuoto vanno allora dall’assessore Sitta, da Marino e quindi dal sindaco Pighi a chiedere numi. “Tutto a posto” si sentono rispondere, il progetto è della multinazionale ‘Virgin’ (ce n’è uno simile a Bologna) e la loro piscina “si rivolgerà ad un target differente rispetto al vostro” assicurano.

Ma i gestori della piscina dei Vigili non si accontentano e vanno a Bologna, in incognito, per accertarsi che la Virgin, nei suoi complessi sportivi, svolga attività non concorrenziali alle loro (attenzione ai disabili, avviamento al nuoto dei bambini ecc). L’amara sorpresa è che la Virgin propone le stesse cose. Di più: qualcuno, quando ancora il progetto non era noto, era andato in via della Valle a chiedere se la piscina fosse in vendita. “Siamo delusi dalla mancanza di trasparenza dei nostri amministratori – dice Luciano Landi, responsabile della scuola nuoto della piscina dei Vigili del Fuoco – perché nessuno ha risposto in modo adeguato alle nostre domande. Ora anche i residenti hanno timore. Sarebbe interessante capire a che punto è il progetto: di Alcatraz, a Modena, ne basta uno solo”.

Già, la preoccupazione è tanta. Anche perché un colosso come la Virgin ci metterebbe poco a fagocitare la piscina esistente. E i 21 dipendenti e 30 collaboratori degli Amici del Nuoto non nascondono molta amarezza e paura per il prossimo futuro. Almeno se il progetto di cui si parla corrisponde a verità. Ma sembra proprio di sì. “L’11 luglio incontreremo i rappresentanti della Virgin, ma il fatto è che siamo venuti a sapere  – prosegue Landi – che la società in questione non è proprietaria del terreno”. Un bel mistero. In effetti chi detiene la proprietà del parcheggio è la società Numeria di Treviso. “Alcuni consiglieri, e il sindaco in primis, conoscevano il progetto ancora prima che si parlasse di piscina al parco Ferrari: come è possibile dunque che nessuno si sia posto il problema?” A rischio non ci sono solo 50 posti di lavoro ma anche l’esistenza della piscina dove ha imparato a nuotare la campionessa Cecilia Camellini. E poi tre piscine così vicine che senso hanno?
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • IQOS e sigarette elettroniche, presentato a Modena il primo studio sulla salute umana

  • Ritrovato il 16enne scomparso da Finale Emilia, sta bene

  • Mirandola, in manette il datore di lavoro del 39enne violentato: "Vittima totalmente succube"

  • Muore sulla panchina del parco delle Rimembranze, inutili i soccorsi

  • Trova online la sua bici subata e dà appuntamento al ricettatore in piazza, insieme ai Carabinieri

  • Investito da un'auto a San Damaso, gravissimo un adolescente

Torna su
ModenaToday è in caricamento