homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Prime piene invernali, mobilitata la Protezione Civile lungo Secchia e Panaro

Tra sabato e domenica sono attesi gli innalzamenti dei livelli di Secchia e Panaro e dei corsi d'acqua minori, in tutta la parte ovest delle fasce appenniniche emiliane. La pianura può ancora stare tranquilla

Con le prime significative precipitazioni di questo inverno insolitamente caldo e finora troppo secco, sono arrivate anche le prime allerte per i vari gruppi della Protezione Civile, per quanto riguarda il monitoraggio dei corsi d'acqua. Nel corso della giornata di sabato 9 gennaio 2016 si prevedono precipitazioni deboli in pianura, in intensificazione sui rilievi occidentali nella seconda metà della giornata, con possibilità di rovesci di forte intensità nella zona di crinale. Le precipitazioni sono previste in attenuazione durante la giornata di domenica 10 gennaio. Quota neve stabilmente sopra i 2000 metri.

Per questo i corsi d'acqua dell'Appennino Modenese saranno osservati speciali. Sono possibili rapidi innalzamenti dei livelli idrometrici nei piccoli bacini montani e smottamenti, piccole colate e localizzate cadute massi in corrispondenza di rovesci di forte intensità, con localizzati danni ad edifici e viabilità interessati.

Insomma, la brutta stagione inizierà a produrre i propri, consueti, effetti sul territorio della nostra provincia, in particolare nelle zone di montagna e collina. Il fatto che non siano previsti rovesci torrenziali e prolungati non mette tuttavia troppa apprensione a chi ha il compito di monitorare il livello dei fiumi, che in pianura resteranno bassi, in attesa di peggioramenti meteorologici.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Picchia l'ex compagna e la spedisce all'ospedale, 52enne arrestato 

    • Cronaca

      Sangue sulle strade, motociclista e pedone morti nella notte

    • Cronaca

      Famiglia dispersa in Appennino, salvati dal Soccorso Alpino

    • Politica

      Terremoto, summit dei sindaci modenesi per organizzare gli aiuti

    I più letti della settimana

    • Terribile scontro frontale fra due auto, feriti gravi a Carpi

    • Terremoto, partito da Modena il primo contingente di uomini e mezzi

    • Sisma, gli Alpini modenesi già in marcia verso l'area terremotata

    • Scontro frontale con un'auto, muore un motociclista di 22 anni

    • Punto da numerose vespe, muore mentre pota una siepe

    • Sangue sulle strade, motociclista e pedone morti nella notte

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento