Università, via Campi: iniziati i lavori per la realizzazione dei nuovi alloggi

Saranno 480 alloggi suddivisi in quattro palazzine che sorgeranno in via Campi ad ospitare universitari, ricercatori e personale sanitario.

Sono partiti il 18 gennaio scorso i lavori per la realizzazione di nuove residenze universitarie in via Campi che daranno alloggio a 480 tra universitari, ricercatori e personale sanitario. L'intervento è molto importante sia sotto l'aspetto economico, sia perché andrà a coprire un bisogno reale in modo da poter accogliere e trattenere oltre agli studenti sempre in crescita (20% in più nell'ultimo decennio), anche gli studiosi che, in continuità con il progetto del Tecnopolo, andranno a costituire un'eccellenza del territorio.

Per la realizzazione del progetto sono servite tutte le forze locali tra Comune, Regione, Er.Go, Università e privati; è di 20 milioni e 626 mila euro il valore dell'intervento che non comporterà investimenti da parte dell'Amministrazione comunale, in linea con il quadro di contenimento delle spese, ma sarà realizzato con capitali privati mediante un contratto di concessione. E' stata perciò costituita la Campus Modena S.r.l. (Cme e Sgi), selezionata attraverso un bando di gara, che avrà la concessione degli alloggi per 33 anni, al termine dei quali rimarranno di proprietà del Comune.

Gli alloggi saranno 120 per una superficie di 12 mila e 976 metri quadrati, ciascuno con quattro camere singole, doppi servizi, soggiorno, cucina e ambienti dotati di connessione wireless; due degli edifici saranno gestiti da Er.Go, che affitterà gli appartamenti agli studenti a un canone concordato con il Comune di 270 euro più Iva al mese a posto letto. Gli altri due edifici, la cui realizzazione avverrà una volta raggiunto un adeguato numero di prenotazioni, saranno invece gestiti dal concessionario Campus Modena srl, che affitterà gli appartamenti al personale sanitario del Policlinico, oltre che a studenti e professori in visita, al prezzo di 365 euro al mese per posto letto. La tariffa, grazie a una erogazione di un milione 300 mila euro (500 mila dal Comune, 500 mila dall’Università di Modena e Reggio Emilia e 300 mila dalla Regione) è “tutto compreso”. Per accedere agli alloggi Er.Go, l’azienda regionale per il diritto agli studi superiori effettuerà graduatorie di assegnazione con criteri nazionali.

"Queste strutture devono fornire un supporto per le future generazioni che si imponga oltre il livello europeo - ha detto il sindaco Giorgio Pighi - e deve porre le condizioni perché ci sia un ambiente fecondo in grado di dare al territorio elementi di innovazione e di capacità di rispondere ai bisogni scientifici e di mercato". Gli alloggi saranno costruiti in due tranches e si prevede che nel settembre del 2015 saranno pienamente funzionanti. "L'economia della città è aiutata dall'Università che sta investendo bene - ha commentato il Rettore Aldo Tomasi - e dai 15 mila studenti, di cui 6 mila provenienti da fuori. Questa è una risposta locale alla mancanza di fondi nazionali".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • IQOS e sigarette elettroniche, presentato a Modena il primo studio sulla salute umana

  • Ritrovato il 16enne scomparso da Finale Emilia, sta bene

  • Mirandola, in manette il datore di lavoro del 39enne violentato: "Vittima totalmente succube"

  • Muore sulla panchina del parco delle Rimembranze, inutili i soccorsi

  • Benefici delle piante grasse: 5 motivi per cui averle favorisce la salute

  • Trova online la sua bici subata e dà appuntamento al ricettatore in piazza, insieme ai Carabinieri

Torna su
ModenaToday è in caricamento