Commercio illegale di steroidi e anabolizzanti, bodybuilder in manette

Sequestrati oltre 73mila farmaci durante un blitz a Soliera nell'appartamento del personal trainer, molto noto nelle palestre modenesi. Alcune sostanze provenivano anche dall'estero

Compresse, fiale, flaconi, cerotti transdermici: ben 73.750 farmaci stipati in ogni angolo della casa, frigorifero compreso. È questo lo scenario che si è rivelato ai Caraibinieri della Compagnia di Carpi una volta entrati nell'appartamento di un 36enne residente a Soliera, molto noto per la sua attività agonistica di bodybuilder. Le indagini dei militari sono partite dall'analisi dei risultati sportivi di alcuni atleti che venivano allenati proprio dal personal trainer solierese, che frequentava numerose palestre della provincia modenese e del nord Italia. I risultati di crescita muscolare strepitosi e rapidissimi di alcuni culturisti rivelavano l'inequivocabile assunzione di sostanze chimiche, riguardo le quali l'Arma ipotizzava l'esistenza di un commercio clandestino.

Ipotesi confermata nel corso delle indagini coordinate dal sostituto procuratore Maria Angela Sighicelli, nelle quali è emerso come il 36enne utilizzasse proprio la sua abitazione - e non le palestre - per vendere i farmaci proibiti. Tra le migliaia di prodotti sequestrati, 265 sono farmaci stupefacenti contenenti Nandrolone e 62 sono le compresse contenenti precursori a base di efedrina. Vi erano poi altri medicinali utilizzati per compensare i problemi causati dall'assunzione di ormoni, come ad esempio quelli legati alla disfunzione erettile o epatica. I farmaci risultano etichettati, per la maggior parte, in lingua straniera per tanto privi di A.I.C. in Italia (Autorizzazione all’Immissione in Commercio) e contengono principi attivi ad effetto dopante.

La cifra complessiva della merce sequestrata ammonta a circa 300mila euro, valore che sarebbe probabilmente quadruplicato all'atto della vendita. 

Il personal trainer è quindi stato tratto in arresto per il reato che punisce "l'utilizzo o somministrazione di farmaci o di altre sostanze al fine di alterare le prestazioni agonistiche degli atleti", nonchè per il commercio di farmaci privi di autorizzazione e per la detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Denunciata a piede libero la compagna convivente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Dossier Legambiente Mal’Aria 2019: Modena maglia nera della regione

  • Economia

    Brand Finance, il Cavallino torna sul tetto del mondo dei marchi più influenti

  • Cronaca

    Parco Novi Sad, arrestati due spacciatori di hashish

  • Attualità

    Epidemia di influenza più 'clemente' rispetto allo scorso anno: "Non bisogna abbassare la guardia"

I più letti della settimana

  • Tamponamento a catena, corriera Seta in bilico nel fosso. Diversi feriti

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Ciclista travolto in via Emilia, identificati mezzo e conducente

  • Sorpresi con lo shaboo in tasca, tre filippini arrestati "in trasferta"

  • Neve in Appennino, disagi sulla Nuova Estense verso Pavullo

  • Scontro a Piumazzo, muore una automobilista di 76 anni

Torna su
ModenaToday è in caricamento