Finto avvocato arrestato per truffa aggravata ai danni di un'anziana signora

La avevano chiamata dicendo che suo figlio era stato coinvolto in un sinistro stradale. Prima la richiesta di cauzione, poi il furto di preziosi: arrestato uno dei due complici nella truffa ai danni di un'83enne di Pavullo

Una tranquilla mattina d’aprile arriva una telefonata. È un maresciallo, o per lo meno come tale si presenta, e comunica che il figlio è stato trattenuto a seguito di un sinistro stradale ed è necessaria una cauzione di 4.000 euro affinchè possa essere rilasciato. La preoccupazione fa da padrona e, dopo aver accettato di pagare, alcuni giorni dopo arriva un sedicente avvocato a ritirare la somma pattuita, riuscendo ad intascare diversi monili d’oro.

Purtroppo nessuna storia di fantasia, ma un’azione truffaldina architettata ai danni di una 83enne Pavullese da due giovani approfittatori, conclusasi finalmente con l’arresto di uno dei due complici. Grazie alle indagini svolte in questi mesi, i Carabinieri della Compagnia di Pavullo nel Frignano sono riusciti a ricostruire la dinamica della truffa e hanno eseguito a Napoli un’ordinanza cautelare nei confronti del finto avvocato.

G.V., 33enne, è stato arrestato in mattinata con l’accusa di concorso in truffa aggravata. Sono in corso indagini per accertare eventuali altri colpi messi a segno dall'uomo e da altri complici.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina all'Eurospin, all'ospedale un dipendente colpito con un fucile

  • Tragedia al parco Amendola, si allontana dalla casa di riposo e annega nel lago

  • Fermata e denunciata per guida in stato di ebbrezza, chiama la sorella ma è alticcia pure lei

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Assalto armato al portavalori, guardie rapinate all'uscita del Grandemilia

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

Torna su
ModenaToday è in caricamento