Sorpreso a rubare in un cantiere, arrestato per la decima volta

Grazie alla segnalazione di un operaio, la Polizia ha potuto arrestare il flagranza un pluripregiudicato 39enne. In un cantiere di viale Fabrizi stava rubando materiale per un valore di 700 euro. E' il suo 25 reato in “carriera”

Si allunga il palmares di M.D., pluripregiudicato di anni 39, che nel primo pomeriggio di oggi è stato arrestato. Per la decima volta. Ad ammanettare l'uomo, specializzato in furti, è stato un equipaggio della Volante di Modena, dopo che la centrale operativa aveva ricevuto la segnalazione di movimenti sospetti in un cantiere edile alle porte del centro storico.

In viale Nicola Fabrizi, infatti, un operaio aveva notato che la porta di accesso del cantiere in cui lavorava era stata forzata e ha sospettato che qualcuno avesse potuto approfittare della pausa pranzo dei lavoratori per introdursi nell'edificio in ristrutturazione. Sospetto che è stato confermato dal blitz degli agenti di Polizia.

Al momento dell'arresto il 39enne è stato trovato in possesso di materiale per l'edilizia del valore di oltre 700 euro. Il ladro - ora in carcere con l'accusa di furto aggravato in attesa del processo di domattina - come detto annovera un curriculum criminale di tutto rispetto: è stato denunciato per ben 24 volte per reati contro il patrimonio, in materi di armi e di stupefacenti. Sono ben 10 le volte in cui è stato arrestato o denunciato per furto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’Italia ha la sua Miss Curvyssima 2019, incoronata a Vignola Deborah Spada

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Meteo | Un venerdì difficile tra pioggia, neve e rischio gelicidio

  • La Polizia gli sequestra l'auto, lui entra di notte nel deposito e la riprende. Denunciato

Torna su
ModenaToday è in caricamento