Spaccata in via Giardini con l'auto ariete, due nomadi in carcere

Identificati i due giovani responsabili di un furto dello scorso settembre alla periferia di Modena. Erano già ben noti agli agenti della Squadra Mobile

Hanno un volto, un nome e anche un posto in cella al Sant'Anna due dei quattro malviventi che nel settembre dello scorso anno avevano messo a segno un furto con spaccata ai danni del bar Michelangelo di Modena. In piena notte una banda aveva utilizzato una Alfa Romeo 147 come auto-ariete per sfondare la vetrina del locale di via Giardini, per poi caricare a bordo la macchinetta scambiamonete e fuggire. Un colpo che aveva fruttato circa 3.000 euro, compiuto per altro a viso scoperto e senza particolari precauzioni.

Proprio i volti immortalati dalle videocamere di sorveglianza hanno facilitato il compito degli inquirenti, gli agenti della Squadra Mobile, che hanno riconosciuto due facce note. Sono così finiti in manette due nomadi di etnia rom, A.C. di 26 anni e A.L. di 29. I due sono stati prelevati questa mattina dalla loro abitazione alla periferia di Modena su ordine del Gip  e trasferiti in carcere.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Turista multato per l'accesso in Ztl, arriva alla Municipale un assegno dalle Hawaii

  • Salta la cassa con una tv sotto braccio, stroncata sul nascere l'impresa impossibile di un 31enne

  • Esce di strada con l'auto, morto un 59enne a Manzolino

  • L'ex compagno di classe saluta la sua ragazza, lui lo colpisce con una testata

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Caduta sulla rotonda di Vaciglio, grave un cicloamatore

Torna su
ModenaToday è in caricamento