Difende l'amica dalle avances e viene massacrato fuori dalla discoteca. Straniero in carcere

I Carabinieri hanno eseguito un ordine di carcerazione a carico di un 40enne cubano, colpevole di aver picchiato a sangue un 33enne che aveva preso le difese di una ragazza nel parcheggio del Frozen. Lo straniero ubriaco aveva anche offeso i militari e resistito all'arresto

Ieri le porte del carcere di Sant'Anna si sono aperte per accogliere un 40enne di nazionalità cubana, da tempo residente a Modena e arrestato dai Carabinieri con le accuse di lesioni, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, guida in stato di ebbrezza e senza patente. Un curriculum di tutto rispetto che lo straniero ha maturato ormai diverso tempo fa, la mattina del 31 dicembre 2015, a seguito di un grave episodio avvenuto nel parcheggio della discoteca Frozen di via Argiolas.

In quell'occasione infatti, il cubano aveva pestato a sangue un 32enne italiano, riducendolo pressoché in fin di vita semplicemente con la forza dei propri pugni. La lite tra i due era nata intorno alle 4.30 del mattino, dopo che il 32enne si era prodigato per soccorrere un'amica, oggetto delle attenzioni indesiderate dello straniero. Di fronte alla notevole prestanza fisica del caraibico, la vittima aveva riportato lesioni motlo gravi al volto, tra cui molteplici fratture alle ossa craniche. Soccorso dal 118, era stato ricoverato con una prognosi di due mesi.

Le testimonianze dei presenti avevano permesso ai Carabinieri, già quella mattina stessa, di individuare lo straniero, la cui descrizione non aveva lasciato dubbi ai militari, per via dei precedenti specifici del soggetto in questione. Il cubano era stato scovato appena due ore dopo all'esterno di un altro locale della città, evidentemente in stato di ubriachezza. Le minacce rivolte agli uomini dell'Arma, la guida in stato di ebbrezza e le circostanze dell'aggressione erano valse una prima denuncia a piede libero.

Mancava infatti la flagranza del reato per il quale sarebbe stato possibile l'arresto. Soltanto ieri, dunque, dopo gli accertamenti del caso e tutti i passaggi della burocrazia giudiziaria, l'uomo è stato tratto in arresto e condotto in carcere.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina all'Eurospin, all'ospedale un dipendente colpito con un fucile

  • Tragedia al parco Amendola, si allontana dalla casa di riposo e annega nel lago

  • Fermata e denunciata per guida in stato di ebbrezza, chiama la sorella ma è alticcia pure lei

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Assalto armato al portavalori, guardie rapinate all'uscita del Grandemilia

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

Torna su
ModenaToday è in caricamento