L'Associazion Solidus lancia "Aiuti a scuole e famiglie"

Sono sempre più all’ordine del giorno le difficoltà materiali che le scuole si trovano a dover fronteggiare e delle famiglie a sostenere i costi. L'Associazione Solidus ha lanciato un progetto apposta

L’Associazione Solidus Onlus  ha avviato anche quest'anno una serie di iniziative di aiuto concreto rivolte alle famiglie in difficoltà socio-economiche attraverso l’indizione di un bando e non solo. Infatti, in anni in cui la spesa sociale incide fortemente sui bilanci comunali e, conseguentemente, su quelli familiari, l’Associazione Solidus ha deciso di intensificare gli sforzi e di ampliare il proprio raggio d’azione coinvolgendo gli Istituti Scolastici della città di Modena.
 

 

Sono sempre più all’ordine del giorno le difficoltà materiali che le scuole si trovano a dover fronteggiare, sovente tali da non permettere addirittura le attività previste dal piano formativo. Non fa più notizia che ci si veda costretti a rivolgersi ai genitori degli alunni per contribuire alle spese e sollevare così le sorti dei miseri bilanci scolastici. In un’ottica di sostegno diretto, la Solidus si impegna ad elargire contributi variabili tra i 500 e i 1300 euro a singola scuola per l’acquisto di materiale didattico, la ristrutturazione dei locali scolastici o per un supporto economico a finalità scolastiche destinato ad alunni in difficoltà.

 

 Circa 45000 euro in totale destinati alla beneficenza diretta sulla scorta dei valori della solidarietà e della condivisione, da sempre vessillo della Solidus Onlus. Destinatari del primo avviso tutti i residenti nella provincia di Modena che abbiano un valore ISEE inferiore o pari a euro 7.500. Per i cittadini stranieri è richiesto il possesso del permesso di soggiorno di lungo periodo. Le domande potranno pervenire all’Associazione fino al prossimo 12 di dicembre. L’obiettivo dichiarato è assistere economicamente 190 nuclei familiari. L’iniziativa solidale ha visto la partecipazione attiva di FNA Emilia Romagna e di U.Di.Con Emilia Romagna.

 

L'Associazione spiega: "Dispiace dover evidenziare la poca disponibilità degli Enti Comunali a collaborare all’iniziativa, primo su tutti il comune di Modena. Non si può nemmeno parlare di disponibilità, c’è stato per la maggior parte un temporeggiamento che gli enti comunali hanno dimostrato e che agli occhi dei volontari dell’Associazione pare inspiegabile. Pur col massimo rispetto per il lavoro degli uffici comunali, risulta addirittura paradossale che un Ente pubblico si volti dall’altra parte quando gli viene offerta una somma di denaro da mettere a disposizione dei cittadini più sfortunati."

 

L’intento puramente benefico fa sì che non siano previsti particolari requisiti, se non una richiesta circostanziata e debitamente firmata dai dirigenti scolastici da inviare all’Associazione entro il 30 novembre. Ancora una volta un doveroso ringraziamento va a U.Di.Con Emilia Romagna, da sempre sensibile alle esigenze, non solo educative, delle scuole del territorio, che negli anni si sono concretate in campagne formative e informative e che, in questa circostanza, hanno, invece, visto l’erogazione di un contributo in denaro con lo scopo di implementare il budget a disposizione dell’avviso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cinque emiliani contagiati, Bonaccini: "Stiamo valutando chiusura di nidi, scuole, impianti sportivi e musei"

  • Trema la pianura, scossa di terremoto MI 3.4 tra Modena e Reggio

  • Coronavirus. Tutte le scuole in Emilia-Romagna chiuse fino al 1 marzo

  • Due nuovi casi di contagio a Modena, ricoverati due famigliari del paziente carpigiano

  • Aggiornamento Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna. "Chi ha dubbi chiami il 118"

  • Coronavirus, raggiunta quota 47 contagi in regione. A Modena sono 8 gli ammalati

Torna su
ModenaToday è in caricamento