Morì annegata dopo lancio col paracadute, assolto il Carabiniere modenese

La Cassazione ha annullato la condanna per omicidio colposo ai danni di Marco Basilio Schenetti, originario del reggiano e direttore di lancio della scuola paracadutistica modenese. Nel 2010 un lancio finì in tragedia con la morte di Giovanna Melania La Mantia, caporale 22enne

E' stato scagionato dalla pesante accusa di omicidio colposo e dalla pena di 8 mesi inflitta in secondo grado dal Tribunale di Ravenna. Per la Corte di Cassazione, infatti, Marco Basilio Schenetti non ha commesso il fatto, al contrario degli altri due coimputati, per il quale le condanne ad un anno (pena sospesa) sono state confermate anche dall'ultimo grado di giudizio.

Il processo affonda le sue radici in un tragico lancio paracadutistico, concluso con la morte di Giovanna Melania La Mantia, giovane caporale dell'Esercito annegata in un laghetto di cava il pomeriggio del 22 febbraio 2010 al termine del suo primo lancio sull'aeroporto civile della Spreta, a Ravenna. La vittima, 22 anni, era originaria di Trapani ed era in forza al 46/o reggimento Trasmissioni di Palermo.

Il giudice di Ravenna aveva emesso una sentenza di condanna nel 2013: 8 mesi a Schenetti, istruttore di fune vincolo su quel volo, e un anno a testa per il mantovano Andrea Tomasi, direttore dei lanci, e per il riminese Renzo Carlini, addetto al controllo di terra. Schenetti, 48 anni, originario di Castelnovo Monti (Reggio Emilia), brigadiere dei Carabinieri in servizio a Modena, in passato in forza al Primo reggimento carabinieri paracadutisti del Tuscania e direttore di lancio della scuola modenese. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giovanna Melania La Mantia era arrivata a Ravenna assieme ad altri allievi della scuola trapanese di Castellammare del Golfo per alcuni lanci milite-assistiti per poter conseguire il brevetto. Secondo la Procura, a determinare la sua caduta nel laghetto, più che una raffica di vento o uno sbaglio sulla rotta dell'aereo, fu un'errata quanto consolidata interpretazione in merito alla zona utile di atterraggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro sulla Tangenziale di Vignola, deceduta una automobilista

  • "I caporali fuori dalla Coop", protesta davanti al supermercato di Formigine

  • Apre il Drive-in di Maranello, domani la prima proiezione

  • Si presenta al Pronto Soccorso dopo una lite, ma porta con sè la cocaina. Arrestato

  • Precipita nel vuoto durante un'escursione, muore un 63enne modenese

  • Andrea Dovizioso operato durante la notte al Policlinico di Modena dopo una caduta

Torna su
ModenaToday è in caricamento