"Viva la Romania", scritte e atti vandalici in un'azienda di via dalla Costa

Raid vandalico messo a segno all'interno di una ditta: ignoti hanno forzato l'accesso per mettere a soqquadro i locali, lasciare graffiti sui muri e navigare in internet con i computer degli uffici. Indaga la Polizia di Stato

Via Raimondo dalla Costa

Hanno fatto irruzione in un'azienda di via Raimondo dalla Costa con il solo intento di portare disordine e commettere atti vandalici da diverse migliaia di euro, togliendosi anche lo sfizio di lasciare diversi messaggi inequivocabili scritti sulle pareti: "Viva la Romania". Questo quanto perpetrato da ignoti nel raid vandalico verificatosi l'altra notte nei locali di una ditta ubicata nella zona industriale dei Torrazzi. Dopo avere forzato l'ingresso, i vandali, non si sa bene per quale ragione, si sono recati anche negli uffici per accendere i computer e approfittare della connessione a internet per navigare su alcuni siti web europei. Il titolare dell'azienda, scoprendo all'apertura quanto accaduto, ha segnalato l'episodio alla Polizia di Stato: stando ai primi accertamenti, l'episodio potrebbe essere collegato al precedente sgombero di un gruppo di nomadi che importunava le aziende presente in zona. Nei giorni scorsi, infatti, per porre fine al comportamento fastidioso messo in atto, il titolare della ditta presa di mira dai vandali aveva richiesto l'intervento della Polizia Municipale che, constatando la condotta messa in atto, ha provveduto ad allontanare i nomadi dal territorio comunale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’Italia ha la sua Miss Curvyssima 2019, incoronata a Vignola Deborah Spada

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Meteo | Un venerdì difficile tra pioggia, neve e rischio gelicidio

  • La Polizia gli sequestra l'auto, lui entra di notte nel deposito e la riprende. Denunciato

Torna su
ModenaToday è in caricamento