Beppe Grillo: processo a Modena per il proprietario del dominio del blog

Emanuele Bottaro, proprietario del dominio beppegrillo.it, a processo a Modena con l'accusa di diffamazione a mezzo internet. A difenderlo il cugino dell'ormai ex comico, l'avvocato Enrico Grillo

Beppe Grillo

Beppegrillo.it, il blog più celebre d’Italia, la cassa di risonanza di un movimento di rivoluzione sociale e politica che fa capo al fu-conduttore di Fantastico, e fu-testimonial di una nota marca di yogurt: chi non l’ha mai sentito nominare? Volenti o nolenti, supporter o detrattori, il sito è stato sulla bocca di tutti gli italiani, dato che spesso e volentieri gli strali che il guru italiano dell’antipolitica lancia a destra e a manca partono proprio dal web. Ma fino a qui, che problema c’è? Grillo spara a zero in modo abbastanza democratico, e si assume la completa responsabilità delle sue parole. Lodevole, ma non del tutto vero: in parte perché i credits del sito sono di una società chiamata Casaleggio Associati, che ha già ricevuto le poco lusinghiere attenzioni del world wide web, in parte perché il sito è intestato al fantomatico signor Emanuele Bottaro, residente a Modena, almeno stando a whois.net.

CITAZIONE IN TRIBUNALE - Suvvia, si potrebbe obiettare, è un’ingiustificabile leggerezza prendere per vero tutto quello che si trova nel calderone di internet. Invece, pare proprio che le cose stiano così, per due ragioni. Primo, il signor Bottaro è stato querelato con l’accusa di “diffamazione a mezzo internet”; secondo, il misterioso modenese è difeso dall’avvocato del foro di Genova Enrico Grillo, legale e cugino del più celebre Giuseppe, presente insieme a lui anche nel recente processo che ha visto coinvolto l’ex comico insieme ai No Tav. Il collegamento tra Bottaro e i Grillo (Enrico e Beppe) è senza dubbio interessante: perciò, per approfondire la questione, abbiamo contattato più volte l'avv. Grillo (la prima volta il 26 giugno scorso), e gli abbiamo posto una lista di domande, in realtà poche, e neanche tanto inquisitorie, da sottoporre al suo cliente per cercare di fare un po’ di luce sulla questione.

1. Qual è l’articolo oggetto del contendere? Visto che abbiamo ragione di pensare che sia stato pubblicato sul sito beppegrillo.it, formalmente di Grillo ma intestato a Bottaro, automaticamente responsabile per ciò che viene detto su una piattaforma a suo nome.

2. Sarebbe possibile visionarlo, dal momento che sarà certamente stato di dominio pubblico prima del procedimento in corso?

3. Come mai il signor Bottaro è intestatario del dominio di un sito che procura questo tipo di problemi, diventando così responsabile per parole che, stando a quanto si legge sul sito, non è certamente lui a scrivere?

Per ora, se da Genova e dall’avvocato Grillo tutto tace, a Modena qualcosa si muove: il giudice Teresa Magno infatti ha rinviato l’udienza di Bottaro alle ore 12 del prossimo 9 novembre per fare in modo che le parti giungano a un accordo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni muore dopo il trasporto dall'Ospedale di Sassuolo a Baggiovara, aperta indagine

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Persona muore bruciata all'interno di un'auto, giallo alla periferia di Modena

  • Scontro sulla Nazionale per Carpi, morto un automobilista

  • Da Milano a Modena per salvare una vita, un organo scortato dalla Municipale

  • Travolta lungo via Giardini, grave una 52enne soccorsa dall'eliambulanza

Torna su
ModenaToday è in caricamento