Dalla Fondazione Veronesi due borse di studio per i ricercatori Unimore

Il dott. Jonathan Vinet del Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze ed il dott. Jason Duskey del Dipartimento di Scienze della Vita di Unimore potranno proseguire le ricerche intraprese per un anno

Due ricercatori stranieri di Unimore sono gli assegnatari di di due borse di studio della Fondazione Umberto Veronesi. Si tratta del dott. Jonathan Vinet del Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze, di nazionalità canadese e del dott. Jason Duskey del Dipartimento di Scienze della Vita, di nazionalità statunitense. Il premio consiste in due borse di studio di durata annuale, assegnate per svolgere un’attività di ricerca nell’ambito delle neuroscienze.

Entrambi i progetti sono volti a chiarire aspetti della funzione della barriera emato-encefalica, il filtro che separa il cervello dal resto del corpo proteggendolo dall’ingresso di microorganismi o molecole potenzialmente tossiche per i neuroni. Pur essendo la funzione della barriera emato-encefalica indispensabile, costituisce, però, un problema insormontabile quando il cervello deve essere raggiunto da farmaci che non siano in grado di attraversare la barriera.

Gli studi finanziati dalla Fondazione Umberto Veronesi contribuiranno ad avanzare lo stato delle conoscenze su come possa funzionare la barriera emato-encefalica, per la quale le conoscenze sono molto lacunose. È opinione diffusa che alterazioni del funzionamento della barriera emato-encefalica possano contribuire, in modo determinante, all’instaurarsi ed alla progressione di malattie del sistema nervoso centrale con una importante componente infiammatoria, come la sclerosi multipla, la malattia di Alzheimer e varie forme di epilessia, tra le quali l’epilessia del lobo temporale associata a sclerosi dell’ippocampo.

“I sistemi di veicolazione poi - aggiunge la prof.ssa Barbara Ruozi di Unimore – rappresentano una possibilità terapeutica utile e non invasiva per poter portare i farmaci (sia di sintesi che materiale genico) laddove è necessario. Nel caso delle malattie del sistema nervoso centrale, in particolare, vi è quindi la concreta possibilità di superare l’ostacolo più importante per i farmaci, ovvero la barriera ematoencefalica, e quindi rendere finalmente possibile una terapia mirata ed efficace di queste patologie, per le quali oggi esistono poche o nulle possibilità di cura, ma solamente trattamenti palliativi o sintomatici”. 

Jonathan Vinet - Nato a Lasalle, Canada nel 1975 si è laureato in Biologia nel 1999 ed ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Neurobiologia nel 2005 presso l’Université Laval della città di Québec. Dopo vari anni di attività di ricerca in Canada ed Olanda, il dott. Vinet ha raggiunto il laboratorio del prof. Giuseppe Biagini vincendo una prestigiosa borsa di studio europea (sviluppo di carriera Maria Skłodowska-Curie) nel 2014. Il progetto intitolato “L’inibizione della metalloproteinasi 12 come possibile trattamento antiepilettogeno in un modello di epilessia del lobo temporale” finanziato dalla Fondazione Umberto Veronesi verificherà gli effetti di un nuovo farmaco ottenuto con una ricerca indipendente, in collaborazione con un laboratorio dell’Università di Anversa (Belgio).

Jason T Duskey - Nato in Alaska (USA)  nel 1983, laureato Laurea in Biologia e Chimica nel 2007 (Mount Mercy College, Cedar Rapids, Iowa USA), ha ottenuto il Dottorato di Ricerca in Pharmacy, College of Pharmacy, University of Iowa (USA) nel 2013, ha lavorato come postdoc presso l’Università di Basilea fino al 2016, con tematiche inerenti il delivery di materiale genico tramite sistemi nanometrici. Il suo lavoro di ricerca sul delivery di materiale genico in patologie neurometaboliche, finanziato dalla Fondazione Umberto Veronesi, vedrà anche la collaborazione della Scuola Normale di Pisa, del NEST_CNR di Pisa e di altri istituti IRCCS sulle malattie neurometaboliche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manovre scorrette alla guida, parte la campagna di controlli della Municipale

  • Ecco perché Benji e Fede si separano

  • Aggiornamento Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna. "Chi ha dubbi chiami il 118"

  • Sproloquio 2020 della Famiglia Pavironica, il testo in dialetto

  • Richiesta di concordato preventivo per la Goldoni Arbos, scatta lo sciopero

  • Auto ribaltata in via Fratelli Rosselli, disagi al traffico

Torna su
ModenaToday è in caricamento