Cacciatore ucciso a Marano, la Procura dispone l'autopsia

Non è però chiaro se la vittima sia stata scambiata per una preda o se il colpo di fucile che lo ha raggiunto alla testa sia stato sparato dal suo compagno di squadra in maniera del tutto involontaria

Non era certo la prima battuta di caccia al cinghiale quella che hanno fatto ieri Anacleto Tonioni e Maurizio Serri. Quest'ultimo, però ha fatto partire accidentalmente un colpo di fucile letale per il suo compagno. Serri, sconvolto per l'accaduto, è stato portato in ospedale dopo l'incidente ed è stato il primo a dare l'allarme.

I due facevano parte di un gruppo di una decina di cacciatori e, a quanto risulta, anticipavano i compagni nel cercare di scovare gli animali con l'aiuto dei cani. Non è però chiaro se Tonioni, che lascia la moglie e due figli, sia stato scambiato per una preda, trovandosi accanto a un cespuglio, o se il colpo di fucile che lo ha raggiunto alla testa sia stato sparato in maniera del tutto involontaria. Le armi dei due amici erano regolarmente detenute e sono state sequestrate. La procura di Modena disporrà l'autopsia sul corpo del 65enne deceduto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavoro nero, sospesa l'attività di una pizzeria di Maranello

  • Scappa di casa a soli 10 anni, ritrovato in stazione in piena notte

  • Licenziati due dipendenti della Polcart, i colleghi minacciano lo sciopero

  • Memoria. Medaglia d'Onore per Giovanni Carlo Rossi, papà di Vasco

  • Salvini chiude la campagna elettorale a Maranello. E arrivano le sardine

  • Al supermercarto con il contenitore per alimenti portato da casa, a Modena si sperimenta

Torna su
ModenaToday è in caricamento