Anziana sola senza i suoi farmaci, li portano i Carabinieri in piena notte

I militari di Mirandola hanno svolto un servizio particolare a sostegno di una donna rimasta senza gli antidolorifici essenziali per sopportare una patologia grave

Poco dopo la mezzanotte di ieri il 112 ha ricevuto una chiamata particolare da parte di una donna di 73 anni di Mirandola, la quale ha chiesto aiuto all'operatore dei Carabinieri, spiegando di avere bisogno di alcuni farmaci “salvavita” da assumere ogni due ore. La signora ha sottolineato che il medico di guardia, che già l’aveva raggiunta per prescriverglieli, non aveva potuto aiutarla in tal senso, così come altri operatori del settore sanitario.

Di fronte a questa richiesta i militari dell'Arma si sono mossi in prima persona e intorno all'una si sono recati ad acquistare i medicinali e li hanno portati a casa della 73enne. Si tratta di antidolorifici oppiacei derivati dalla morfina che la donna deve assumere per alleviare i dolori provocati da una patologia alle vertebre. L'anziana ha ringraziato di cuore gli uomini dell'Arma per l'intervento decisamente fuori dagli schemi ma importantissimo per la sua salute.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al parco Amendola, si allontana dalla casa di riposo e annega nel lago

  • Al supermercarto con il contenitore per alimenti portato da casa, a Modena si sperimenta

  • Lavoro nero, sospesa l'attività di una pizzeria di Maranello

  • Scappa di casa a soli 10 anni, ritrovato in stazione in piena notte

  • Fermata e denunciata per guida in stato di ebbrezza, chiama la sorella ma è alticcia pure lei

  • Inceneritore e qualità dell'aria: "I rifiuti da fuori Modena inquinano come 100mila auto"

Torna su
ModenaToday è in caricamento