Cavezzo: sicurezza, Cna chiede un incontro con il sindaco

Dopo il terzo incendio doloso ai danni di un'attività economica, l'associazione di categoria chiede di potere incontrare le autorità locali per contrastare un fenomeno che ultimamente ha preso sempre più piede

Il recente incendio doloso all’Agenzia “Vivere & Viaggiare” rappresenta il terzo episodio criminoso di questo tipo accaduto a Cavezzo nell’ultimo anno. Un fatto che ha destato allarme fra operatori economici e cittadini della cittadina modenese. Cna ha cercato di dar voce a queste preoccupazioni chiedendo al Sindaco di Cavezzo Stefano Draghetti un incontro per valutare la situazione locale dal punto di vista della sicurezza e della legalità.

"Non si tratta – ha scritto il presidente della Cna locale Daniele Riccò nella lettera inviata al sindaco – di creare ingiustificati allarmismi, ma non possiamo sottovalutare la pericolosità di questi episodi, di cui non si conoscono né gli autori, né la matrice". L’intento dell’Associazione è quello di scambiare informazioni e confrontarsi su eventuali proposte operative di contrasto a questi fenomeni.

"Di fronte agli allarmi lanciati – giustamente - in tutta la provincia per la prevenzione di infiltrazioni malavitose – aggiunge il direttore della locale sede della Cna, Natascia Pellacani –riteniamo necessario accrescere i livelli si attenzione e collaborazione tra istituzioni, cittadini ed imprese, uniti dal comune obiettivo di rendere più incisiva ed efficace la lotta alla illegalità e alla criminalità organizzata".

Come è noto, l’incendio all’agenzia di viaggi di Cavezzo di pochi giorni fa segue a quelli di altre due attività economiche (PizzaArt e Bar Kristal): "Si tratta di episodi – osserva Daniele Riccò – che possono essere stati commessi da balordi, ma non possiamo escludere altri ben più gravi tentativi di inserimento nella collettività di organizzazioni più strutturate e quindi ancor più pericolose. Peraltro un punto di debolezza di Cavezzo, data la sua collocazione rispetto alle arterie stradali, è quello di permettere a chi delinque di allontanarsi rapidamente".

Queste le ragioni per le quali Cna si è fatta promotrice di questa richiesta di incontro con il primo cittadino di Cavezzo, per studiare insieme rischi ed eventuali contromisure a garanzia della sicurezza della collettività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pota gli alberi accanto alla linea elettrica fingendosi un addetto Hera e intasca 1.300 euro

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Chirurgia protesica del ginocchio, importante premio per il sassolese Francesco Fiacchi

  • Locale sovraffollato, denunciati i gestori e sequestrato l'Oltrecafè

  • Contromano in Tangenziale, un agente salta in guardrail e lo blocca

  • Sanità. Lo screening prenatale NIPT diventerà gratuito per tutte le donne in gravidanza

Torna su
ModenaToday è in caricamento