Castelfrigo. Difficoltà fisiche, Haichao interrompe lo sciopero della fame

Il lavoratore di origine cinese ha dovuto cessare la protesta insieme agli ex colleghi, come consigliato dal suo medico

A mezzogiorno Chen Haichao uno dei tre lavoratori delle false cooperative appaltatrici, in sciopero della fame dal 19 dicembre, ha interrotto il lo sciopero della fame, perché il prolungato digiuno ha provocato scompensi nei valori registrati dal medico quotidianamente. Haichao vive a Castelnuovo Rangone, ha una moglie e tre figli piccoli: proseguire la protesta avrebbe causato conseguenze serie per la sua salute.

La mobilitazione dei lavoratori e lo sciopero della fame di due di loro e del sindacalista Marco Bottura continueranno tuttavia fino a quando non ci saranno soluzioni concrete e dignitose per quanto riguarda la loro collocazione lavorativa, all’interno della Castelfrigo ed, eventualmente, nelle altre imprese del distretto alimentare.

Nel frattempo ieri è arrivata un'altra iniziativa di solidarietà proprio davanti ai cancelli dell'azienda, dove è allestito "l'accampamento" sindacale. L'operaio Mauro Gambaiani ha consluso infatti a Castelnuovo la sua maratona di ben 60 km, corsa sotto l'acqua da Fanano fino al distretto delle carni, per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla condizione dei lavoratori in appalto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secchia e Panaro in piena, i ponti restano chiusi. Si contano i danni per gli allagamenti

  • Indagine sui prezzi nei supermercati: Esselunga e Coop si dividono la spesa online

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Niente comizio in centro per Salvini. E le "sardine" si spostano in Piazza Grande

  • Il Panaro raggiunge livelli ciritici, chiude via Emilia. La situazione della viabilità

  • Salvini arriva a Modena, Anche sotto la Ghirlandina scatta la mobilitazione delle "sardine"

Torna su
ModenaToday è in caricamento