La chiesa di Bomporto riapre al culto dopo il sisma

Sono passati quattro anni dal sisma e due dall'alluvione. La cittadina di Bomporto è stata fortemente colpita da questi eventi, ma finalmente i lavori nella chiesa parrocchiale sono terminati e la chiesa è riaperta al culto

A quattro anni dal sisma e a due dall'alluvione, riapre al culto il prossimo 7 dicembre la chiesa parrocchiale di Bomporto: alle 20.30 in Piazza Roma,  il saluto delle autorità, e in seguito il vescovo  Erio Castellucci  guiderà la comunità nella chiesa finalmente restaurata e presiederà la celebrazione eucaristica. Gli altri appuntamenti organizzati in occasione della riapertura: giovedì 8 dicembre, alle ore 21, concerto per organo e voce: Raffaele Feo, tenore, e Stefano Pellini, all'organo, eseguiranno  musiche in onore della Vergine. Domenica 10 dicembre, alle 21 Hosanna: cori uniti in concerto.

"Non abbiamo completato tutti i lavori - ricorda il parroco  don Francesco Bruni -  ma abbiamo dato la precedenza a quelli per i quali era necessaria la chiusura totale della chiesa; le cappelle e le decorazioni saranno completate nel tempo. Anche per  la ricollocazione delle opere d'arte serve un po' di pazienza: la copia de La Notte di Correggio  tornerà da Nonantola per l'inaugurazione; altri due quadri attendono di essere restaurati e restano in custodia  a Sassuolo. La chiesa è  oggi  dotata  degli impianti d'allarme necessari ad accogliere i dipinti, ma per il ritorno dell'opera principale  della parrocchiale, il Crocifisso fra la Madonna e san Giovanni, di Antonio Begarelli, collocata in una nicchia dell'abside, si dovrà attendere ancora un po'; deve infatti essere progettato e realizzato un sistema di ancoraggio per le statue che le difenda in caso di  nuovi eventi  sismici".

"I danni principali  - dice l'architetto  Francesco Fantoni, che con i  colleghi Filippo Fantoni e Giuseppe Caruso ha seguito i lavori -  erano dovuti al terremoto, principalmente a livello dei volti in mattoni, che sono stati rinforzati all'estradosso, per la presenza delle decorazioni pittoriche, con l'uso di fibre in carbonio. Siamo intervenuti a livello della copertura lignea e del campanile, con consolidamento e cerchiatura. Durante l'intervento è sopravvenuta l'alluvione, che ha rallentato il cantiere e provocato altri danni che hanno comportato il rifacimento degli intonaci nella parte inferiore della muratura. Nell'occasione si è provveduto anche al rifacimento filologico di quelle parti dell'apparato decorativo che erano andate perdute nel corso delle precedenti alluvioni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Coronavirus, stranieri positivi rientrati in Italia e isolati. Salgono di 51 i casi in regione

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Nubifragio e allagamenti, disagi lungo la Pedemontana per gli smottamenti

Torna su
ModenaToday è in caricamento