Via Bassa: scoperta e chiusa una casa di appuntamenti

Grazie a settimane di appostamenti e indagini è stata scoperta e chiusa una casa di appuntamenti in via Bassa. Il proprietario è stato denunciato per favoreggiamento della prostituzione

Un’operazione congiunta della Polizia Municipale di Fiorano, Sassuolo, Formigine e Maranello, ha portato alla scoperta di una casa di appuntamenti a Fiorano, in via Bassa, al fotosegnalamento di una prostituta cinese trovata all’interno dell’alloggio, al sequestro dell’appartamento e alla denuncia per favoreggiamento della prostituzione dell’affittuario, anch’egli cinese. L’operazione è partita diverse settimane fa dopo che gli agenti della Polizia municipale fioranese avevano notato strani e frequenti movimenti di persone nella zona di via Bassa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LE OPERAZIONI - Ci sono stati lunghi appostamenti, per verificare l’arrivo e il frequente ricambio di clienti, indagini sui siti internet, che hanno portato all’individuazione precisa del luogo e del numero che veniva composto per concordare l’appuntamento. Pochi giorni fa è scattata l’operazione: un agente della Polizia Municipale di Fiorano si è finto un cliente, ha preso un appuntamento e si è presentato alla porta. Entrato, ha pattuito il prezzo, pagato e, una volta avvenuta la consegna del denaro, ha aperto la porta e fatto entrare i colleghi, che hanno cominciato a perquisire l’intero appartamento. La prostituta cinese che si trovava nell’alloggio, solo una delle diverse che a turno e con regolare ricambio, esercitavano in quel luogo è stata fotosegnalata perché clandestina. Favoreggiamento della prostituzione è invece l’accusa per l’affittuario dell’alloggio, denunciato. Sono stati sequestrati anche medicinali di provenienza cinese, denaro contante, computer e agende che verranno esaminati per la prosecuzione dell’indagine. All’appartamento sono stati apposti i sigilli.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le creme solari pericolose per la salute: 4 sostanze fondamentali

  • Contagio, due nuovi casi a Carpi e Castelvetro. Deceduta una 54enne

  • Contagio, nel modenese quattro nuovi casi e un ricovero in Terapia Intensiva

  • Covid. In Emilia-Romagna oggi 31 casi e 7 decessi

  • Coronavirus, 13 nuovi positivi asintomatici in Regione. Undici i decessi

  • Carpi, da domani attivi i nuovi fotored. Presto altri quattro incroci monitorati

Torna su
ModenaToday è in caricamento