Lavoratori in nero e un clandestino, chiusa azienda tessile cinese

A Cavezzo è stato individuato un laboratorio che nascondeva molte irregolarità. Denunciato il titolare, un cinese di 49 anni e sospesa l'attività lavorativa. Multa di 8.600 euro

Dopo alcuni mesi di "tregua" i Carabinieri e gli operatori dell'Ispettorato del Lavoro hanno ripreso i controlli specifici nei confronti delle tante aziende tessili gestite da cittadini cinesi che si trovano nei dintorni del distretto carpigiano della moda. Nei giorni scorsi è stato ispezionato un laboratorio di Cavezzo, che ha fatto emergere molteplici irregolarità sul fronte occupazionale.

Due dei cinque dipendenti – tutti cittadini cinesi - erano infatti assunti in nero e uno di questi era addirittura non in regola per quanto riguarda il permesso di soggiorno. Il titolare dell'impresa, un 49enne orientale, è stato quindi denunciato a piede libero dagli ispettori dell'Arma.

É stata elevata anche una multa salata, pari a circa 6.800 euro, che si è aggiunta alla sospensione dell'attività. La fabbrica, infatti, dovrà restare chiusa fino a quando l'imprenditore non avrà regolarizzato la propria posizione e quella dei dipendenti irregolari.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Furto del Guercino, arrestato a Modena il ricettatore. Abitava dietro la chiesa

    • Politica

      Nessuna trivella attiva nell'area Fantozza: "Non c'è correlazione con le scosse"

    • Politica

      Sala slot a Palazzo Europa? Sarebbe irregolare, ma mancano i decreti attuativi

    • Cronaca

      Lite per un paio di scarpe, uno straniero e un vigile finiscono al Pronto Soccorso

    I più letti della settimana

    • Ricostruita la scorribanda in bus dei vandali a Carpi, tre giovanissimi arrestati

    • Terremoti, due scosse di magnitudo MI 3.1 e 3.2 nella Bassa

    • Frontale fra auto e camion, sei feriti estratti dai veicoli nei fossi

    • Fuga dai Carabinieri e schianto, arrestata una banda di truffatori

    • Scippata e gettata a terra davanti al supermercato La Rotonda

    • Confermato il fermo per i vandali di Carpi. Le famiglie: "Chiediamo scusa"

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento