San Donnino, chiuso il parcheggio teatro dell'omicidio della giovane prostituta

Intervento dell'Amministrazione lungo stradello Barca, dove un guard rail ora impedisce l'accesso all'area frequentemente utilizzata per incontri a sfondo sessuale

Dalle scorse ore i tecnici comunali hanno completato l'intervento di chiusra dell'accesso al parcheggio sterrato di stradello Barca, proprio accanto al Percorso Natura del fiume Panaro. Si tratta del luogo drammaticamente noto per essere stato teatro del ritrovamento del cadavere carbonizzato di una giovane prostituta, del cui omicidio è accusato il 34enne Raffaele Esposito.

L'area in questione era tuttavia già considerata problematica a causa delle frequentazioni notturne (e giornaliere) di persone che avevano individuato quello spazio appartato come meta per incontri a sfondo sessuale. Questo aveva trasformato la zona sterrata in una piccola discarica con ogni genere di rifiuti.

L'intervento di chiusura attraverso un guard rail metallico, fa sapere l'Assessore Giulio Guerzoni - era stato richiesto tramite i canali ufficiali di comunicazione con il Quartiere.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato il 16enne scomparso da Finale Emilia, sta bene

  • IQOS e sigarette elettroniche, presentato a Modena il primo studio sulla salute umana

  • Mirandola, in manette il datore di lavoro del 39enne violentato: "Vittima totalmente succube"

  • Morto a soli 37 anni Giuseppe Loschi, medico del Modena Fc

  • Muore sulla panchina del parco delle Rimembranze, inutili i soccorsi

  • Benefici delle piante grasse: 5 motivi per cui averle favorisce la salute

Torna su
ModenaToday è in caricamento