Terre di Castelli, gli ispettori sanitari chiudono il canile intercomunale

A Savignano condizioni inadeguate per ospitare gli animali, che verranno “appaltati” ad altre strutture del territorio, in attesa di definire e realizzare un nuovo centro unico per tytto il territorio dell'Unione

Al centro di una lunga vicenda amministrativa, in un braccio di ferro tra Enti locali e Enpa, il canile intercomunale di Savignano sul Panaro si avvia alla chiusura, per via di una diffida ricevuta dall'Azienda Usl. Sarebbero le condizioni strutturali stesse dell'impianto ad aver convinto gli ispettori sanitari a cessare l'attività del centro che serve l'intera area delle Terre di Castelli. Come riporta La Carbonara Blog, i circa 120 animali ospiti della struttura sono destinati al trasferimento verso nuove sedi temporanee: la loro cura verrà affidata a chi si aggiudicherà un appalto di poco superiore ai 200mila euro.

Le pessime condizioni della struttura di via Claudia, un'ex porcilaia risistemata per ospitare i quadrupedi senza padrone, erano note ormai da tempo e, nonostante qualche sporadico intervento di manutenzione, lo stop era nell'aria. Si tratta tuttavia, insieme al piccolo centro di Spilamberto, dell'unico punto di riferimento per l'intera area dei Castelli. Appare quindi ormai improcrastinabile la costruzione di un nuovo canile intercomunale, già oggetto di un longevo dibattito tra l'Ente Protezione Animali e l'Unione dei Comuni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo gli ultimi sviluppi, datati novembre 2012, sarebbe pronto un progetto per la realizzazione di un un'ampia struttura nei pressi dell'ex Sipe di Spilamberto. Un investimento di 700mila euro, oggetto di revisioni e modifiche dal 2005 ad oggi, per il quale però mancano ancora le autorizzazioni ed una vera e propria deliberazione amministrativa. Visto che da mesi tutto tace e non vi è traccia di un possibile avviamento dei lavori, gli amici a quattro zampe saranno costretti a traslocare per un tempo indefinito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 71 nuovi positivi, di cui 48 asintomatici. A Modena focolaio in un prosciuttificio

  • Covid. Altri 18 contagiati nel focolaio del salumificio di Castelnuovo

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Forno rumoroso in centro storico, sequestrati i locali per la produzione

Torna su
ModenaToday è in caricamento