Processo Aemilia, condanne anche per l'ex azzurro Vincenzo Iaquinta e per il padre

Anche l'ex attaccante condannati nell'ambito del processo Aemilia. Il legale: "Sentenza grida vendetta, faremo ricorso". Il padre condannato a 19 anni

L'ex calciatore della nazionale, Vincenzo Iaquinta,  è stato condannato a due anni di carcere nell'ambito del processo 'Aemilia', il più grande processo nel nord Italia contro la 'ndrangheta. Per lui la Dda aveva chiesto sei anni per reati di armi. Il padre del calciatore, Giuseppe Iaquinta, è stato invece  condannato a 19 anni. Era accusato di associazione mafiosa.

WRaramente lo dico ma questa è una sentenza che grida vendetta ed è scontato che faremo ricorso", ha commentato  l'avvocato Carlo Taormina, difensore dell'ex calciatore. "Non so come abbiano potuto dare questa pena quando si è trattato di aver omesso di comunicare alla polizia che l'arma, una pistola regolarmente detenuta con porto d'armi, era stata trasferita in un'altra località per motivi di sicurezza - spiega Taormina - Cioè Vincenzo Iaquinta era a Torino e il padre di sua iniziativa aveva preso la pistola dalla casa del calciatore per custodirla nella sua cassaforte, perché essendo la casa del figlio vuota, aveva paura che entrassero i ladri e gliela rubassero". "Io ero tranquillo che sarebbe stato assolto perché non c'è un elemento che potesse autorizzare a  uesta decisione", aggiunge.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quanto alla posizione del padre dell'ex calciatore campione del mondo, Taormina sottolinea che "Giuseppe Iaquinta, che fu sottoposto a ordinanza di custodia cautelare in carcere, fu poi scarcerato dalla Cassazione per mancanza di indizi". Il padre dell'ex attaccante della Juventus è stato condannato a 19 anni per associazione mafiosa. "E' stato accertato che non ha avuto nessun rapporto né di lavoro, né di interesse con gli altri indagati - conclude Taormina - Aveva rapporti da padre del campione del mondo ed era corteggiato da tutti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro sulla Tangenziale di Vignola, deceduta una automobilista

  • "I caporali fuori dalla Coop", protesta davanti al supermercato di Formigine

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Apre il Drive-in di Maranello, domani la prima proiezione

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Coronavirus, stranieri positivi rientrati in Italia e isolati. Salgono di 51 i casi in regione

Torna su
ModenaToday è in caricamento