Frattura del femore nell'anziano, un convegno su come gestire i pazienti

Incontro all’Ospedale Civile di Baggiovara su un tema che coinvolge molte persone anziane: la frattura del femore è uno tra gli incidenti più comuni e la comunità scientifica si ritrova per saminare le ultime tecniche mediche

La gestione del paziente anziano con frattura del femore è al centro di un convegno organizzato sabato 25 marzo 2017 (dalle ore 8.00 alle ore 16.00) dall’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena nell’ambito dell’evento annuale del gruppo di studio Anestesia in Ortopedia della Società Italiana di Anestesia e Rianimazione (SIAARTI), presso l’Aula Vecchiati dell’Ospedale Civile di Baggiovara. Scopo del convegno è ottimizzare la gestione del paziente anziano fratturato di femore alla luce delle più attuali evidenze della letteratura scientifica in campo anestesiologico.

“L’anziano fratturato di femore – spiega la dottoressa Elisabetta Bertellini, Direttore dell’Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale Civile di Baggiovara e dell’Anestesia e Rianimazione II del Policlinico di Modena - rappresenta una sfida per le attuali organizzazioni sanitarie. Considerata la rilevante incidenza di questa frattura nei pazienti geriatrici ne consegue un’elevata richiesta di assistenza sanitaria in pazienti fragili. Soprattutto in questi malati la frattura di femore può alterare in maniera significativa l’autonomia del paziente, favorire lo sviluppo di complicanze e compromettere l’aspettativa di vita”. Ogni anno, a Modena, sono circa 500 i pazienti con un’età superiore ai 60 anni che si fratturano il femore.  L'Azienda Ospedaliero – Universitaria   con l’Ortopedia del Policlinico e dell’Ospedale Civile di Baggiovara, con le U.O. di Anestesia e Rianimazione, con i Geriatri e con la Medicina Riabilitativa dell’Ospedale Civile, è in prima linea nell’affrontare, in modo multidisciplinare, il trattamento dei pazienti con frattura di femore.

“L’anestesista ha un ruolo centrale nella gestione del paziente anziano con frattura del femore – aggiunge il dottor Vincenzo Lucio Indrizzi, anestesista del Policlinico di Modena - essendo parte attiva non solo nel periodo intra-operatorio, ma anche nella fase di preparazione del paziente e nella gestione del dolore post-operatorio; fasi tutte determinanti per consentire la migliore ripresa funzionale e ridurre le complicanze”. Per tale ragione è utile riunire anestesisti, ortopedici e riabilitatori al fine di fare il punto sulle problematiche di questa tipologia di pazienti che vanno gestiti in una visione di insieme, per garantire ai pazienti il massimo delle specifiche competenze specialistiche.

“Il periodo perioperatorio – conclude il dottor Marco Degoli dell'Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale di Baggiovara - rappresenta infatti uno stress notevole per il paziente fragile ed in tale contesto un’opportuna condotta anestesiologica può proteggere il malato dallo sviluppo di complicanze, può favorire il recupero funzionale e può contribuire a preservare l’autonomia della persona”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina all'Eurospin, all'ospedale un dipendente colpito con un fucile

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Assalto armato al portavalori, guardie rapinate all'uscita del Grandemilia

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

  • Raro tumore ad una mano, trentenne salvato dalla cooperazione medica tra Modena e Bologna

Torna su
ModenaToday è in caricamento